Verso il nuovo contratto

di Carlo Muscatello (*)

Nel 2017 dovrebbe finalmente essere rinnovato il contratto di lavoro. Come sapete, era stato disdettato dagli editori, una parte dei quali il contratto collettivo proprio non lo vorrebbe più. Ma, smentendo previsioni pessimistiche o addirittura catastrofiche, il sindacato dei giornalisti ha ottenuto che il vecchio contratto rimanga in vigore fino a quando non ne verrà firmato uno nuovo. Un risultato non da poco, considerata la situazione.
C'è tutto il tempo, dunque, per riavviare il tavolo di confronto, finora bloccato dall'attesa della legge di riforma dell'editoria, approvata dal parlamento e in vigore dal 15 novembre. Mancano ora i decreti attuativi, ma c'è l'impegno del governo  a provvedere in tempi brevi. Ci sono di mezzo anche la composizione e le competenze del Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti: la previsione contenuta nel Decreto Milleproroghe farà sì che si andrà al voto con le nuove regole e i nuovi numeri, anche questo un risultato non trascurabile.
Ma torniamo al contratto. La Fieg aveva chiesto la revisione - ovviamente al ribasso - di ventuno istituti contrattuali: dalle ferie ai festivi, dai superfestivi al notturno, dalle mansioni alle domeniche, dall’incidenza del settimo numero al calcolo della 13a, dagli straordinari agli scatti… Praticamente gli editori volevano e vogliono riscrivere tutto il contratto, per abbassare ulteriormente il costo del lavoro giornalistico, stante il perdurare della crisi economica.
La posizione della Fnsi non è cambiata: ha chiesto innanzitutto nuovi posti di lavoro, sottolineando che la categoria non è in grado di reggere ulteriori flessibilità né un altro contratto “a perdere”, senza un immediato e deciso rilancio dell’occupazione, in forte calo da diversi anni. Senza investimenti, insomma, non c’è ripresa del mercato del lavoro e non c’è futuro per il giornalismo italiano e per gli stessi istituti di categoria. L'Inpgi, insomma, non si salva solo con la sofferta riforma in arrivo, ma con nuovi posti di lavoro. Stesso discorso per la Casagit.
La battaglia per il contratto non esaurisce ovviamente l'impegno del sindacato dei giornalisti, nell'ultimo anno impegnato a tutto campo per la difesa della libertà di informazione, non solo in Italia. C'è un disegno di legge per la riforma del reato di diffamazione (e finalmente la cancellazione della previsione del carcere per i giornalisti), c'è l'impegno contro le querele temerarie, per la tutela dei cronisti minacciati, per il contrasto al linguaggio dell'odio e della violenza ("hate speech"), sul web ma non solo sul web. Pare che il governo finalmente cominci a sentire... E per quanto riguarda la Rai, c'è l'impegno, assieme all'Usigrai, per "mettere in campo iniziative per costruire un futuro radicalmente rinnovato del Servizio pubblico".
Un capitolo a parte riguarda le concentrazioni editoriali e le grandi fusioni, settore nel quale la normativa è carente e attualmente permette agli editori notevole libertà di azione. L'operazione Stampubblica intanto procede. Il Gruppo Espresso, che in regione possiede Messaggero Veneto e Piccolo, ha già ceduto o dato "in affitto" alcune testate. Il rischio è che non sia finita qui.
In questa situazione complessa e di grande difficoltà, l’Assostampa Fvg continua  a fare la sua parte all’interno della Fnsi, sindacato unitario dei giornalisti italiani. Il lavoro, il rispetto del contratto, la tutela dei colleghi più deboli rimangono le priorità della nostra azione e del nostro impegno. In un panorama dove gli stati di crisi, le ristrutturazioni, i contratti di solidarietà non si contano anche nel nostro Nordest, nei primi mesi dell'anno il sindacato tornerà al tavolo di confronto con le aziende al Piccolo e al Gazzettino, entrambi in stato di crisi. Ma ci sono anche i problemi del Messaggero Veneto, del Primorski Dnevnik, della Rai regionale, delle agenzie di stampa, dell’emittenza privata, delle testate più piccole. E degli uffici stampa della pubblica amministrazione, che ancora aspettano l'applicazione del contratto di lavoro giornalistico: novità potrebbero arrivare dalla tanto attesa legge regionale sull'editoria, che ormai sembra finalmente arrivata all'ultimo miglio prima dell'approvazione e dell'entrata in vigore.
L'appello conclusivo è quello di sempre. Iscrivetevi al sindacato unitario dei giornalisti. Ne abbiamo bisogno. Per difendere meglio il lavoro e i diritti dei colleghi, soprattutto i più deboli, ma anche la qualità e il ruolo dell’informazione, abbiamo sempre bisogno di una Fnsi più forte. Di cui è articolazione territoriale l’Assostampa Fvg, anche quest'anno con le quote d'iscrizione immutate: le più basse d’Italia. E i colleghi in difficoltà possono chiedere l'iscrizione gratuita. Buon anno a tutte e a tutti.
 
(*) presidente Assostampa Fvg
componente giunta esecutiva Fnsi

 

ALTRE NEWS

È nato Controcorrente

il nuovo soggetto politico sindacale della Fnsi che riunisce gran parte delle anime e dei territori che compongono la maggioranza federale e di governance degli istituti di categoria. Un progetto unitario costruito in oltre due anni di impegno, grazie alla tenacia del presidente e del segretario generale della federazione, Giuseppe Giulietti e Raffaele Lorusso. L’assemblea costituente - alla quale ha partecipato fra gli altri Carlo Muscatello, presidente Assostampa Fvg e componente della giunta esecutiva Fnsi, in rappresentanza del Friuli Venezia Giulia - si è svolta a Roma e ha definito i primi passaggi e gli obiettivi del nuovo soggetto politico sindacale che non è, e non vuole essere, una semplice sommatoria di un accordo esistente, ma l’aggregazione reale di ogni sensibilità intorno a un progetto comune che coinvolga i territori e gli istituti di categoria. L'assemblea ha inoltre indicato Alessandra Costante, componente della segreteria Fnsi e segretaria del Sindacato ligure dei giornalisti, come coordinatrice del nuovo soggetto.

Votazioni all'Ordine

All’inizio di ottobre si svolgeranno le elezioni per il rinnovo del Consiglio nazionale e dei Consigli regionali dell’Ordine dei giornalisti. Questo il calendario delle assemblee elettorali: - domenica 24 settembre 2017 in prima convocazione (considerato che l’Assemblea è valida in prima convocazione quando intervenga almeno la metà degli iscritti all'Albo - eventualità mai verificatasi finora - è ipotizzabile che sia valida la seconda convocazione); -  domenica 1 ottobre 2017, in seconda convocazione, nel caso che nella prima convocazione non sia intervenuta almeno la metà degli iscritti negli elenchi dei giornalisti professionisti e pubblicisti aventi diritto al voto; - domenica 8 ottobre 2017 per le eventuali votazioni di ballottaggio. Le operazioni di voto si svolgeranno rispettivamente: - a Trieste nella sede del Consiglio Regionale dell'Ordine in Corso Italia 13 per gli iscritti residenti nelle province di Trieste e Gorizia; - a Udine nella sede della Società Filologica Friulana in via Manin 18 per gli iscritti residenti nelle province di Udine e Pordenone; I seggi resteranno aperti dalle ore 10 alle ore 18.