PREMIO SIMONA CIGANA

FUTURO CONTEMPORANEO - INTRODUZIONE

A causa delle limitazioni dovute alla pandemia di Coronavirus non siamo riusciti a dare vita alla seconda edizione di “Futuro Contemporaneo” che avevamo fissato per i giorni 12, 13 e 14 maggio. Nello stato di incertezza generale che ha portato al rinvio o all’annullamento di tanti eventi pubblici, preferiamo realizzare virtualmente alla nostra iniziativa, riportando gradualmente i concetti principali degli interventi dei relatori e l’auspicabile dibattito (aperto a tutti) che essi genereranno.

LEGGI TUTTO

Dal 53° edizione una proposta nell’anno del grande pittore rinascimentale

Lanciamo la “Strada del Pordenone”

Riuscito come sempre Il tradizionale evento del Circolo della Stampa tra “regolarità”, arte, storia e paesaggio

L’itinerario pordenoniano ha decretato il successo per il 53° Rally della stampa di Pordenone, il tradizionale percorso turistico-culturale del 1° maggio. Contemporaneamente è stata un’occasione per proporre la realizzazione della “Strada” di Giovanni Antonio da Pordenone ovvero un itinerario turistico internazionale nelle località tra il Pordenonese e lo Spilimberghese dove figurano opere del grande pittore rinascimentale e degli artisti del suo tempo, da Pomponio Amalteo, a Giovanni Antonio Pilacorte e altri eccellenti artisti.

Spiace per chi non c’era, ma in effetti l’occasione di festa di questo nostro tradizionale evento si è ripetuta consentendo di conseguire gli obiettivi che si propone fin dalla nascita del “Rally”: vivere in tutta spensieratezza una giornata unica nel suo genere, conoscere il nostro territorio, proporre nuovi itinerari storico-artistici-culturali-naturalistici.

(La banda di Valeriano accoglie i rallisti)

(visita alla casa del Pordenone)

Nell’anno in cui si celebra Giovanni Antonio de Sacchis il Rally della Stampa di quest’anno è stato patrocinato dai Comuni di Pordenone, Pinzano e Travesio, dalla ProPordenone, dalla Confartigianato e dalla Bcc Pordenonese. L’itinerario: alcuni luoghi dove si trovano opere delle più significative dell’artista, conosciuto come “pictor modernus” per la sua grande capacità innovativa artistica e culturale.

A Pordenone, nel borgo pordenonese “di Sotto”, tra il Duomo-Concattedrale, piazza e via San Marco, calle dei Andadori, dove Giovanni Antonio abitò e lavorò, i “rallisti” sono stati guidati da Angelo Crosato, uno degli studiosi pordenoniani più accreditati. A Valeriano di Pinzano e a Travesio gli ospiti sono stati accolti dai rispettivi sindaci (Emanuele Fabris e Diego Franz) e da un altro studioso pordenoniano di rilievo, Alessandro Martina.

A Valeriano il nostro gruppo è stato accolto anche con il concerto del 1° Maggio, offerto dalla Banda musicale. Una nota di allegria e di spensieratezza fuori del tempo.

Per tutti questi motivi il bilancio della giornata risulta nettamente positivo e propositivo. Le soste gastronomiche al Belvedere e a Vivaro, oltre alla caratteristica di “regolarità” attribuita a tre delle tappe, costituiscono il valore aggiunto della giornata dell’evento che come sempre è aperto a giornalisti del Friuli Venezia Giulia e del Veneto, ai loro familiari e amici. Una bella soddisfazione per tutti e, in particolare, per i due “capitani” (da molti anni attribuiamo questo titolo agli organizzatori della giornata), oltre che per i consoci che hanno contribuito a costituire il monte premi per i partecipanti: in primis Angela Mormile, Regina e Gianni Rizzo.

Alla fine, regali per tutti e premi agli equipaggi vincitori delle tre tappe di regolarità: 1° Roberto Fedrigo-Angela Mormile; 2° Lucio Leandrin- Gandolfo Cascio; 3° Alessandra Betto-Michela Corazza.

E non finisce qui, perché durante il Meeting d’estate (inizio luglio), saranno proclamati i vincitori del concorso fotografico del Rally, intitolato quest’anno al giornalista e scrittore pordenonese Pieraldo Marasi che fu uno degli ideatori del Circolo della Stampa di Pordenone.

NEWSLETTER N.9

Circolo della Stampa. Verso la chiusura dell’11° Premio giornalistico Simona Cigana

Dedicato a chi lotta per la ripresa - Particolare attenzione a giornalisti, medici, infermieri, imprenditori e lavoratori

Ultimi giorni per la chiusura dell’11ª edizione del “Premio Simona Cigana”, il concorso giornalistico nazionale annuale, multimediale del Circolo della Stampa di Pordenone. Il 30 giugno scadrà il termine per la pubblicazione dei servizi che possono partecipare; entro il 10 luglio scadrà il termine per l’iscrizione al concorso.

Com’è noto, possono partecipare i servizi pubblicati tra la seconda metà del 2019 e la prima metà del 2020 su testate italiane ed estere. Particolare fondamentale: questa edizione è dedicata idealmente al mondo del giornalismo, impegnato in prima linea fin dall’inizio dell’anno nell’informazione sulla crisi mondiale provocata dalla pandemia da Coronavirus e sulle conseguenze sanitarie, economiche e sociali. Sono sotto gli occhi di tutti, infatti, le difficoltà operative e strategiche, tra disagi e pericoli per le categorie più a rischio, quale quella dei giornalisti.

Si aggiunge a questa dedica, se si vuole “di parte”, l’attenzione verso le categorie impegnate nella ripresa: i medici e gli infermieri che tutt’ora si dedicano con professionalità e altruismo alla terapia e alla prevenzione della popolazione, senza dimenticare l’impegno diffuso che oggi riguarda la ricerca di una normalità, da perseguire con lo spirito tenace e intelligente di imprenditori e lavoratori nella ricostruzione dopo le catastrofi belliche e naturali.

INIZIATIVA UNICA. Novità e conferme, uniche nel loro genere, figurano nel Bando/Regolamento e sono legate al Friuli Venezia Giulia come luogo e argomenti, con tre modi di “lettura” possibili: gli àmbiti locale, nazionale e internazionale. Tutti possono prenderne visione nel sito web www. stampa-pordenone.it. Si riferiscono alle seguenti Categorie giornalistiche a concorso: Inchiesta, Sport, Turismo, Economia/Artigianato, Sociale/Antinfortunistica.

SEGNALAZIONI DEL PUBBLICO. Confermata la partecipazione del pubblico. I destinatari delle notizie possono infatti segnalare al Circolo della Stampa uno o più servizi dell’autore o degli autori preferiti. Comunque la partecipazione degli autori è libera. Ma la segnalazione di lettori, ascoltatori e spettatori ha carattere di indicazione e di suggerimento, con conseguenze che si sono già dimostrate preziose in molti casi.

SOSTEGNO AL CONCORSO. Determinante, come sempre, il sostegno degli sponsor (pubblici e privati) che fa di questo ormai storico evento una delle iniziative più caratterizzanti del Friuli Venezia Giulia e del mondo dell’informazione.