PREMIO SIMONA CIGANA

FUTURO CONTEMPORANEO - INTRODUZIONE

A causa delle limitazioni dovute alla pandemia di Coronavirus non siamo riusciti a dare vita alla seconda edizione di “Futuro Contemporaneo” che avevamo fissato per i giorni 12, 13 e 14 maggio. Nello stato di incertezza generale che ha portato al rinvio o all’annullamento di tanti eventi pubblici, preferiamo realizzare virtualmente alla nostra iniziativa, riportando gradualmente i concetti principali degli interventi dei relatori e l’auspicabile dibattito (aperto a tutti) che essi genereranno.

LEGGI TUTTO

INPGI Con 12 consensi ottenuti su 14 voti, Marina Macelloni è la nuova presidente dell’istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani.

È la prima donna a ricoprire il ruolo di vertice dell’ente di via Nizza. Eletti anche i vicepresidenti dell’Inpgi: Giuseppe Gulletta, vicepresidente vicario in rappresentanza dei giornalisti pensionati (11 voti), e Fabrizio Carotti, vicepresidente eletto in quota Fieg (14 preferenze). Ad entrambe le votazioni non hanno partecipato i rappresentanti del governo.

Marina Macelloni, consigliera eletta nella circoscrizione Lombardia, più volte componente del Cda dell'ente, caporedattore responsabile del “Sole 24 ore”, è la nuova presidente dell’Inpgi, l’Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani. 
Con 12 voti su 14 consiglieri presenti al momento del voto, Macelloni è stata eletta dal Consiglio di amministrazione alla sua prima riunione dopo la tornata elettorale di fine febbraio. Due le preferenze andate all’altro candidato, Carlo Chianura. 
Macelloni, giornalista professionista dal giugno 1986, è la prima donna nella storia dell’Inpgi a ricoprire il ruolo di vertice dell’ente. 
Nella stessa riunione sono stati eletti anche i vicepresidenti dell’istituto: Giuseppe Gulletta, vicepresidente vicario in rappresentanza dei giornalisti pensionati, ha raccolto 11 preferenze su 14 (2 voti sono andati a Paola Cascella e si è inoltre registrata una scheda bianca), mentre Fabrizio Carotti, vicepresidente eletto in quota Fieg, ha ottenuto 14 consensi. Direttore generale della Federazione italiana editori giornali, Carotti torna a coprire l'incarico già assunto nell'ultimo quadriennio. 
Ad entrambe le votazioni non hanno partecipato i rappresentanti del governo che siedono in Consiglio di amministrazione: Mauro Marè, designato dal ministero del Lavoro e della previdenza sociale, e Antonio Funiciello, designato dalla presidenza del Consiglio dei ministri. 
La neo presidente, ringraziando il Consiglio di amministrazione per la fiducia, ha voluto ricordare gli importanti impegni che attendono l'ente nei prossimi mesi: il completamento della riforma pensionistica, il riassetto della gestione patrimoniale e la revisione dello statuto. «Sono certa - ha commentato - che con il massimo della collaborazione da parte di tutte le componenti del Consiglio di amministrazione riusciremo a garantire all'Inpgi sostenibilità e autonomia anche in futuro». 
.
Cpo Fnsi: «Congratulazioni e buon lavoro a Marina Macelloni, unica donna ai vertici di un ente della categoria».
Congratulazioni e l’augurio di buon lavoro a Marina Macelloni, eletta presidente dell’Inpgi. La Commissione Pari Opportunità della Fnsi esprime grande soddisfazione per l’elezione di una collega, competente e capace, ai vertici dell’Istituto di previdenza. Unica giornalista ai vertici di un ente della categoria. Al tempo stesso, alla luce dell’esiguo numero di colleghe elette nel Cda e in Consiglio generale, si augura che la nuova presidente si adoperi con forza per la modifica dello Statuto in modo da varare regole elettorali che garantiscano una rappresentanza di genere paritaria. E che, nella dolorosa riforma delle prestazioni che si andrà a varare, non manchi l’attenzione e la sensibilità per garantire le indispensabili tutele per le giornaliste già ampiamente penalizzate nella professione.

 

NEWSLETTER N.9

Circolo della Stampa. Verso la chiusura dell’11° Premio giornalistico Simona Cigana

Dedicato a chi lotta per la ripresa - Particolare attenzione a giornalisti, medici, infermieri, imprenditori e lavoratori

Ultimi giorni per la chiusura dell’11ª edizione del “Premio Simona Cigana”, il concorso giornalistico nazionale annuale, multimediale del Circolo della Stampa di Pordenone. Il 30 giugno scadrà il termine per la pubblicazione dei servizi che possono partecipare; entro il 10 luglio scadrà il termine per l’iscrizione al concorso.

Com’è noto, possono partecipare i servizi pubblicati tra la seconda metà del 2019 e la prima metà del 2020 su testate italiane ed estere. Particolare fondamentale: questa edizione è dedicata idealmente al mondo del giornalismo, impegnato in prima linea fin dall’inizio dell’anno nell’informazione sulla crisi mondiale provocata dalla pandemia da Coronavirus e sulle conseguenze sanitarie, economiche e sociali. Sono sotto gli occhi di tutti, infatti, le difficoltà operative e strategiche, tra disagi e pericoli per le categorie più a rischio, quale quella dei giornalisti.

Si aggiunge a questa dedica, se si vuole “di parte”, l’attenzione verso le categorie impegnate nella ripresa: i medici e gli infermieri che tutt’ora si dedicano con professionalità e altruismo alla terapia e alla prevenzione della popolazione, senza dimenticare l’impegno diffuso che oggi riguarda la ricerca di una normalità, da perseguire con lo spirito tenace e intelligente di imprenditori e lavoratori nella ricostruzione dopo le catastrofi belliche e naturali.

INIZIATIVA UNICA. Novità e conferme, uniche nel loro genere, figurano nel Bando/Regolamento e sono legate al Friuli Venezia Giulia come luogo e argomenti, con tre modi di “lettura” possibili: gli àmbiti locale, nazionale e internazionale. Tutti possono prenderne visione nel sito web www. stampa-pordenone.it. Si riferiscono alle seguenti Categorie giornalistiche a concorso: Inchiesta, Sport, Turismo, Economia/Artigianato, Sociale/Antinfortunistica.

SEGNALAZIONI DEL PUBBLICO. Confermata la partecipazione del pubblico. I destinatari delle notizie possono infatti segnalare al Circolo della Stampa uno o più servizi dell’autore o degli autori preferiti. Comunque la partecipazione degli autori è libera. Ma la segnalazione di lettori, ascoltatori e spettatori ha carattere di indicazione e di suggerimento, con conseguenze che si sono già dimostrate preziose in molti casi.

SOSTEGNO AL CONCORSO. Determinante, come sempre, il sostegno degli sponsor (pubblici e privati) che fa di questo ormai storico evento una delle iniziative più caratterizzanti del Friuli Venezia Giulia e del mondo dell’informazione.