GIORNALISTI, ANNO DECISIVO

PUBBLICITA' IN CALO

MEETING D'INVERNO

BASTA CON I TAGLI

attacco

 


Assostampa e Ordine Fvg hanno partecipato all'incontro pubblico di solidarietà con il popolo francese, di riaffermazione dei valori di libertà, democrazia, tolleranza e civile convivenza, di difesa della libertà di informazione dopo i tragici fatti di Parigi.

Ecco il comunicato diffuso dal Comune di Trieste:
La solidarietà della città di Trieste alla Francia, colpita dal tragico attentato di Parigi al giornale "Charlie Hebdo", è stata espressa a più voci oggi (venerdì   9 gennaio) nel corso di un pubblico incontro, svoltosi nella sala del Consiglio comunale, alla quale sono intervenuti autorità locali, rappresentanti delle istituzioni, molti cittadini francesi (sui circa 300 residenti nella nostra città) e anche rappresentanti della comunità islamica. In  questo modo Trieste ha espresso il suo dolore verso il popolo francese, così duramente colpito, offrendo una sentita testimonianza a favore della democrazia, della tolleranza e della libertà di stampa.
“La tragedia di Parigi -ha detto in apertura il presidente del Consiglio comunale Iztok Furlanic- colpisce tutti noi”, mentre il sindaco Roberto Cosolini ha ringraziato la città per la forte adesione data all'iniziativa promossa dal Comune, con l'adesione dell'Ordine dei Giornalisti  e dell'Assostampa FVG, e che ha visto, oltre ad una numerosa e qualificata presenza in aula, anche i messaggi dell'Università degli Studi  e di tutti i Teatri cittadini. “E' stato un attacco violento al cuore dell'Europa e al mondo dell'informazione” -ha evidenziato il primo cittadino- al quale “si risponde con fierezza e solidarietà internazionale, per difendere quei valori di libertà, democrazia e tolleranza”. “Non è una guerra tra occidente e islam e neppure tra religioni” -ha concluso il sindaco-  e per questo “dobbiamo portare quante più persone ci è possibile dalla parte della civiltà, della democrazia e della libertà”. Un invito ad evitare le strumentalizzazioni è venuto quindi anche dalla presidente della giunta regionale del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani che ha partecipato anch'essa all'incontro, dopo aver già scritto una lettera di solidarietà e vicinanza all'ambasciatore francese. “Non possiamo accettare -ha detto tra l'altro Serracchiani- che questo diventi una guerra aperta tra popoli e religioni”.
Ringraziando per quanto fatto dalla città di Trieste, il console onorario di Francia in città, Christia Chiaruttini Leggeri, ha da parte sua messo in luce la necessità di “ripartire dal rispetto per avere un futuro migliore”, sottolineando la bontà di iniziative come queste che “ci fanno capire che non siamo soli”. “Questi -ha aggiunto il presidente dell'Ordine del Friuli Venezia Giulia Cristiano Degano- sono momenti in cui tutti ci sentiamo chiamati in causa. La migliore risposta, soprattutto per noi giornalisti, deve venire da un maggiore impegno, dall'onestà intellettuale e da valori come la libertà dell'informazione, che sta alla base della nostra democrazia”.
“Ieri eravamo in piazza Farnese a Roma - ha detto a sua volta il presidente di Assostampa FVG Carlo Muscatello - e oggi siamo qui per ribadire che la libertà d'informazione, che è anche libertà di critica e di satira, fa parte di quei valori assoluti come la libertà è la democrazia di cui ci si accorge solo quando sono attaccati o vengono a mancare". Ma - ha puntualizzato Muscatello - “della libertà d'informazione ci si deve ricordare non solo in questi tragici momenti, ma anche nella vita di tutti i giorni e sempre”, evidenziando così che il Parlamento sta per approvare una legge sulla diffamazione che diventa un “bavaglio”, e ancora la scarsa sensibilità delle istituzioni e della politica sui problemi dei nostri giornali che diventano sempre più piccoli, sulla riduzione degli organici e dell'offerta informativa che porta ad una diminuzione della qualità e della completezza dell'informazione.
Le ultime sottolineature sono state del vicesindaco Fabiana Martini, che ha parlato di “attentato all'umanità, al diritto di esistere e di essere diverso dall'altro, di attacco al fondamento della nostra esistenza”. Bisogna “pensare alla crudeltà di cui l'essere umano é capace, un male da cui nessuno di noi può sentirsi immune -ha concluso il vicesindaco Martini- “per impegnarsi a coltivare il rispetto e l'attenzione all'altro, per costruire il bene comune”.

ARTICOLO 21
“Restiamo in attesa di una puntuale e attenta ricostruzione da parte delle autorità francesi ma ciò che è sicuro è che non si possono concedere alibi agli integralismi di qualsiasi natura che vogliono mettere in discussione le libertà e i diritti civili”. Così Stefano Corradino e Giuseppe Giulietti, direttore e portavoce di Articolo21, commentano in una nota l’attentato al settimanale satirico ‘Charlie Hebdo’ a Parigi. “La satira deve essere libera di colpire in ogni direzione e non può e non deve mai subire attentati, limitazioni, censure. E se davvero questa redazione è stata colpita per le vignette e gli articoli pubblicati – concludono Corradino e Giulietti – spetta a tutti noi dare ospitalità e visibilità a quelle vignette e a quegli articoli affinché coloro che hanno commesso questo orribile attentato possano capire che la libertà di espressione va difesa sempre dovunque e comunque”.

NEWSLETTER

ASSOSTAMPA

Parte la campagna iscrizioni 2020 all’Assostampa Fvg, articolazione territoriale della Fnsi, sindacato unitario dei giornalisti italiani. Che in questa fase di grandi trasformazioni, di attacco alla professione, di drammatica crisi dell’Inpgi ma anche di tutto il mondo dell'editoria e del giornalismo, rimane l'ultimo importante baluardo per la tutela dei diritti e della dignità della professione giornalistica.  

Anche nel Friuli Venezia Giulia è dunque necessario rilanciare la campagna di sensibilizzazione e di iscrizione al sindacato dei colleghi, professionali e collaboratori, contrattualizzati e non contrattualizzati. Sindacato che nella nostra regione ha le quote – rimaste invariate anche nel 2020 - più basse d’Italia. C’è anche la possibilità di richiedere l’iscrizione gratuita per giornalisti professionali e collaboratori disoccupati e/o in comprovate difficoltà economiche. Sono state anche mantenute le quote scontate per i nuovi iscritti, che erano state lanciate tempo fa, ma soltanto per un anno, a livello nazionale.

SE VUOI DIFENDERE LA LIBERTÀ DI INFORMAZIONE, AIUTA IL SINDACATO…

SE CONDIVIDI LA BATTAGLIA CHE IL SINDACATO DEI GIORNALISTI PORTA AVANTI PER LA DIFESA DELLA PROFESSIONE E CONTRO TUTTE LE LEGGI BAVAGLIO; SE VUOI DARE FORZA ALL’AZIONE DEL SINDACATO A FAVORE DELLE FASCE PIU’ DEBOLI DELLA CATEGORIA, DENTRO E FUORI DALLE REDAZIONI; SE VUOI CONTRIBUIRE ALLA DIFESA E AL RINNOVAMENTO DELLA PROFESSIONE; SE CREDI CHE AVERE UN SINDACATO UNITARIO DEI GIORNALISTI SIA UNA RISORSA

ISCRIVITI – E FAI ISCRIVERE I TUOI COLLEGHI – ALL’ASSOSTAMPA FVG (e se eri già iscritto lo scorso anno, non dimenticare di rinnovare la quota 2020).

 Nel Fvg le quote per i giornalisti collaboratori sono di 45 euro, quelle per i professionali non contrattualizzati di 55 euro.

Invariata anche la quota dello 0.30 per i giornalisti professionali contrattualizzati e pensionati.

SOLTANTO PER I NUOVI ISCRITTI 2020 NON CONTRATTUALIZZATI: collaboratori 35 euro, professionali 45 euro.

(NB: professionali sono tutti i giornalisti professionisti, praticanti e i pubblicisti che svolgono comunque la professione giornalistica ai sensi dell’art. 2 dello Statuto Fnsi; collaboratori sono i pubblicisti che non rientrano nella precedente categoria).

Il pagamento della quota (per chi non versa già lo 0.30 in busta paga o con la pensione, avendo firmato l’apposita delega) può venir effettuato nei nostri uffici oppure con bonifico bancario:

Banca di Credito Cooperativo del Carso – ZKB, Riva Gulli, Trieste, IBAN IT 34 O 08928 02205 010000034417 (causale: quota 2020)

Monte dei Paschi di Siena, piazza della Borsa, Trieste, IBAN IT 50 H 01030 02230 000002958532 (causale: quota 2020)