GIORNALISTI, ANNO DECISIVO

PUBBLICITA' IN CALO

MEETING D'INVERNO

BASTA CON I TAGLI

giulietti

Un'azione comune delle organizzazioni dei giornalisti europei a difesa della libertà d'informazione. La proposta è stata lanciata a Trieste da Beppe Giulietti, giornalista Rai, storico sindacalista, già segretario Usigrai e parlamentare, e portavoce di Articolo 21.


Giulietti ha partecipato a un incontro organizzato dall'Assostampa del Friuli Venezia Giulia e introdotto da Carlo Muscatello, dedicato al progetto di legge sulla diffamazione, all’esame della commissione giustizia della Camera, e alla normativa sulle intercettazioni.
In Italia, così come in altri paesi europei come Francia e Spagna, è in corso un processo di limitazione dei diritti in nome della sicurezza, che potrebbero compromettere la libera informazione. In questo processo rientrano la normativa sulla diffamazione, che aumenta di fatto gli ostacoli al lavoro dei giornalisti, senza tutelare i cittadini, e la legge sulle intercettazioni.
È necessario opporsi a questo tentativo, disattivare queste normative, ha spiegato Giulietti, e l'Ordine dei giornalisti e l'Fnsi "devono avviare un'azione comune in Europa a difesa della libertà d'informazione, un'azione coordinata con gli altri sindacati dei giornalisti d'Europa, presso la Corte europea e il Parlamanto di Strasburgo".
Giulietti ha anche espresso preoccupazione sui contenuti della riforma della Rai, che, ha spiegato, pone il servizio pubblico sotto il diretto controllo del governo e della politica. "Vanno stabilite - ha aggiunto- regole chiare per la gestione della Rai e soprattutto per la scelta della dirigenza".
"Sarebbe bello - ha poi concluso Giulietti - se la categoria avviasse anche un confronto sul caso di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin che nelle ultime settimane ha vissuto nuovi sviluppi".

 

NEWSLETTER

ASSOSTAMPA

Parte la campagna iscrizioni 2020 all’Assostampa Fvg, articolazione territoriale della Fnsi, sindacato unitario dei giornalisti italiani. Che in questa fase di grandi trasformazioni, di attacco alla professione, di drammatica crisi dell’Inpgi ma anche di tutto il mondo dell'editoria e del giornalismo, rimane l'ultimo importante baluardo per la tutela dei diritti e della dignità della professione giornalistica.  

Anche nel Friuli Venezia Giulia è dunque necessario rilanciare la campagna di sensibilizzazione e di iscrizione al sindacato dei colleghi, professionali e collaboratori, contrattualizzati e non contrattualizzati. Sindacato che nella nostra regione ha le quote – rimaste invariate anche nel 2020 - più basse d’Italia. C’è anche la possibilità di richiedere l’iscrizione gratuita per giornalisti professionali e collaboratori disoccupati e/o in comprovate difficoltà economiche. Sono state anche mantenute le quote scontate per i nuovi iscritti, che erano state lanciate tempo fa, ma soltanto per un anno, a livello nazionale.

SE VUOI DIFENDERE LA LIBERTÀ DI INFORMAZIONE, AIUTA IL SINDACATO…

SE CONDIVIDI LA BATTAGLIA CHE IL SINDACATO DEI GIORNALISTI PORTA AVANTI PER LA DIFESA DELLA PROFESSIONE E CONTRO TUTTE LE LEGGI BAVAGLIO; SE VUOI DARE FORZA ALL’AZIONE DEL SINDACATO A FAVORE DELLE FASCE PIU’ DEBOLI DELLA CATEGORIA, DENTRO E FUORI DALLE REDAZIONI; SE VUOI CONTRIBUIRE ALLA DIFESA E AL RINNOVAMENTO DELLA PROFESSIONE; SE CREDI CHE AVERE UN SINDACATO UNITARIO DEI GIORNALISTI SIA UNA RISORSA

ISCRIVITI – E FAI ISCRIVERE I TUOI COLLEGHI – ALL’ASSOSTAMPA FVG (e se eri già iscritto lo scorso anno, non dimenticare di rinnovare la quota 2020).

 Nel Fvg le quote per i giornalisti collaboratori sono di 45 euro, quelle per i professionali non contrattualizzati di 55 euro.

Invariata anche la quota dello 0.30 per i giornalisti professionali contrattualizzati e pensionati.

SOLTANTO PER I NUOVI ISCRITTI 2020 NON CONTRATTUALIZZATI: collaboratori 35 euro, professionali 45 euro.

(NB: professionali sono tutti i giornalisti professionisti, praticanti e i pubblicisti che svolgono comunque la professione giornalistica ai sensi dell’art. 2 dello Statuto Fnsi; collaboratori sono i pubblicisti che non rientrano nella precedente categoria).

Il pagamento della quota (per chi non versa già lo 0.30 in busta paga o con la pensione, avendo firmato l’apposita delega) può venir effettuato nei nostri uffici oppure con bonifico bancario:

Banca di Credito Cooperativo del Carso – ZKB, Riva Gulli, Trieste, IBAN IT 34 O 08928 02205 010000034417 (causale: quota 2020)

Monte dei Paschi di Siena, piazza della Borsa, Trieste, IBAN IT 50 H 01030 02230 000002958532 (causale: quota 2020)