ANNO DECISIVO

PUBBLICITA' IN CALO

MEETING D'INVERNO

BASTA CON I TAGLI

Indice articoli

i vincitori

Bruno Cigana, in coppia con Luigi Carlesso, ha vinto il 48mo Rally della Stampa disputatosi, come di consueto, il primo maggio percorrendo le strade della Grande Guerra da Pordenone al monte di Ragogna. Secondo posto a sorpresa per la new entry Federica De Mas navigata da Letterio Scopelliti. Al terzo posto la “vecchia gloria” del rallismo naoniano, l'udinese Piero Micoli, affiancato dalla moglie Carla.

 

Rally della Stampa:

edizione bagnata e fortunata

 

scopelliti

micoli

 

Nei luoghi della Grande guerra tra le province di Pordenone e di Udine – Premi a vincitori e partecipanti

 

Pienamente riuscita, nonostante il maltempo della seconda parte della giornata, la 49ª edizione del Rally della Stampa, tra le province di Pordenone e di Udine. L’iniziativa del Circolo della stampa di Pordenone, con la collaborazione dell’Ussi (Unione stampa sportiva del Friuli V.G.). si conferma uno dei più caratteristici e collaudati eventi del Friuli Occidentale.
Quest’anno è stato dedicato al centenario della prima guerra mondiale ed è stato caratterizzato dal percorso Pordenone-Valeriano di Pinzano-Ragogna-Monte di Ragogna-Vivaro, zone storiche e paesaggistiche di grande livello, nel pieno rispetto degli obiettivi culturali e turistico-sportivi del “Rally”. Come sempre, un programma vissuto con intensità, partecipazione e allegria dagli equipaggi appartenenti alle province di Pordenone, Udine, Gorizia, Belluno, Treviso e Padova.
A Pordenone, il gruppo è stato salutato dall’assessore comunale alla cultura Claudio Cattaruzza, poro prima della partenza avvenuta nell’area del Villaggio del Fanciullo.
A Valeriano è stato accolto dal sindaco di Pinzano al Tagliamento, Debora Del Basso, e dalla famiglia Di Emilio Bulfon, scelta come esempio di attività eccellente di quel territorio ricco di storia, cultura e imprenditorialità.
A Ragogna l’assessore alla cultura Marco Pascoli, autore di testi e ricercatore tra i più attivi della storia della prima guerra mondiale sul territorio collinare tra le sinistra e la destra del Tagliamento, descritta nei minimi particolari dal Museo comunale e dai luoghi della guerra del monte di Ragogna, con sosta finale nel parco agrituristico del “Vecjo Traghèt”, sulla sponda destra del Tagliamento, e visita al salumificio Fratelli Molinaro.
L’aspetto sportivo è stato rappresentato come sempre dalle fasi di regolarità del percorso, compresa la prova su percorso speciale di Sequals.
Alla fine ha vinto l’equipaggio di Bruno Cigana-Luigi Carlesso, seguito nell’ordine da Federica De Mas-Letterio Scopelliti, da Piero Micoli-Carla Micoli, Gianni Baccarin-Brigitte Moch, Fabrizio-Sparavier-Daniela Brustolon e via via da tutti gli altri, secondo i tempi rilevati dai cronometristi ufficiali della Ficr pordenonese. Proclamazione dei vincitori, premiazioni e doni per tutti i partecipanti nel centro agrituristico “Gelindo dei Magredi”, a Vivaro.
Il Rally della stampa proseguirà come sempre con il concorso fotografico ambientato nel corso del tragitto, i cui risultati saranno resi noti durante il prossimo meeting d’estate. L’iniziativa è stata dedicata quest’anno alla memoria del giornalista Paolo Gaspardo, cronista storico della prima e della seconda guerra mondiale.


 

(Foto da fb di michela corazza)

 

 

GRAZIE A TUTTI GLI SPONSOR

Come negli anni scorsi, il Rally della Stampa è stato reso possibile dal sostegno prezioso di enti e imprese. Nel ringraziarli, li elenchiamo qui di seguito.


Sponsor:


1 - Bcc Pordenonese
2 - Confartigianato Pordenone


Sostenitori:


1 - Grace Centro Benessere (Pn)
2 – Wally Manzato Calcopietra
3 - Comune di Pinzano
4 - Comune di Ragogna
5 - Domovip (Aviano)
6 - Provincia di Pordenone
7 - Edizioni Aviani (Udine)
8 - Caseificio Rossi Fratelli Riosaliceto (Reggio Emilia)
9 - Cooperativa sociale Il Seme (Fiume Veneto)

 

NEWSLETTER

ASSOSTAMPA

Parte la campagna iscrizioni 2020 all’Assostampa Fvg, articolazione territoriale della Fnsi, sindacato unitario dei giornalisti italiani. Che in questa fase di grandi trasformazioni, di attacco alla professione, di drammatica crisi dell’Inpgi ma anche di tutto il mondo dell'editoria e del giornalismo, rimane l'ultimo importante baluardo per la tutela dei diritti e della dignità della professione giornalistica.  

Anche nel Friuli Venezia Giulia è dunque necessario rilanciare la campagna di sensibilizzazione e di iscrizione al sindacato dei colleghi, professionali e collaboratori, contrattualizzati e non contrattualizzati. Sindacato che nella nostra regione ha le quote – rimaste invariate anche nel 2020 - più basse d’Italia. C’è anche la possibilità di richiedere l’iscrizione gratuita per giornalisti professionali e collaboratori disoccupati e/o in comprovate difficoltà economiche. Sono state anche mantenute le quote scontate per i nuovi iscritti, che erano state lanciate tempo fa, ma soltanto per un anno, a livello nazionale.

SE VUOI DIFENDERE LA LIBERTÀ DI INFORMAZIONE, AIUTA IL SINDACATO…

SE CONDIVIDI LA BATTAGLIA CHE IL SINDACATO DEI GIORNALISTI PORTA AVANTI PER LA DIFESA DELLA PROFESSIONE E CONTRO TUTTE LE LEGGI BAVAGLIO; SE VUOI DARE FORZA ALL’AZIONE DEL SINDACATO A FAVORE DELLE FASCE PIU’ DEBOLI DELLA CATEGORIA, DENTRO E FUORI DALLE REDAZIONI; SE VUOI CONTRIBUIRE ALLA DIFESA E AL RINNOVAMENTO DELLA PROFESSIONE; SE CREDI CHE AVERE UN SINDACATO UNITARIO DEI GIORNALISTI SIA UNA RISORSA

ISCRIVITI – E FAI ISCRIVERE I TUOI COLLEGHI – ALL’ASSOSTAMPA FVG (e se eri già iscritto lo scorso anno, non dimenticare di rinnovare la quota 2020).

 Nel Fvg le quote per i giornalisti collaboratori sono di 45 euro, quelle per i professionali non contrattualizzati di 55 euro.

Invariata anche la quota dello 0.30 per i giornalisti professionali contrattualizzati e pensionati.

SOLTANTO PER I NUOVI ISCRITTI 2020 NON CONTRATTUALIZZATI: collaboratori 35 euro, professionali 45 euro.

(NB: professionali sono tutti i giornalisti professionisti, praticanti e i pubblicisti che svolgono comunque la professione giornalistica ai sensi dell’art. 2 dello Statuto Fnsi; collaboratori sono i pubblicisti che non rientrano nella precedente categoria).

Il pagamento della quota (per chi non versa già lo 0.30 in busta paga o con la pensione, avendo firmato l’apposita delega) può venir effettuato nei nostri uffici oppure con bonifico bancario:

Banca di Credito Cooperativo del Carso – ZKB, Riva Gulli, Trieste, IBAN IT 34 O 08928 02205 010000034417 (causale: quota 2020)

Monte dei Paschi di Siena, piazza della Borsa, Trieste, IBAN IT 50 H 01030 02230 000002958532 (causale: quota 2020)