GIORNALISTI, ANNO DECISIVO

PUBBLICITA' IN CALO

MEETING D'INVERNO

BASTA CON I TAGLI

Sabato 23 maggio, alle 20.45, nel Teatro Verdi di Pordenone andrà in scena l’opera teatrale "La Granne Guera... parole e canti per il Centenario", regia di Massimo Neri, con Enzo Samaritani e Maria Grazia Di Donato, il Coro alpino Col di Lana di Vittorio Veneto e il Coro Voci della Julia di Vigonza. La serata è a ingresso libero; il ricavato delle offerte raccolte fra il pubblico sarà destinato all’aiuto economico di alcune famiglie in difficoltà, per il tramite dei Servizi Sociali comunali. Prenotazione posti consigliata - Segreteria giorni feriali: 12.00 – 20.00 - tel. 333 1883023

 

Questa serata che il Lions Club Pordenone Host, unitamente agli Alpini della Sezione ANA di Pordenone e con il generoso sostegno dell’Amministrazione Comunale e degli Sponsor che ringraziamo di cuore, ha organizzato per la cittadinanza vuole essere, oltre che un doveroso e sentito omaggio, anche un commosso momento di profonda riflessione sugli eventi bellici che un secolo fa coinvolgevano la nostra Nazione, e in special modo i nostri territori e le nostre genti, in un immane dramma denso di sofferenze, lutti, coraggio ed eroismi.
Esattamente a cento anni di distanza dall’ultimo giorno di pace del 1915, il lavoro teatrale di Massimo Neri - Medico Ortopedico originario di Roma, ma Pordenonese d’adozione - illumina potentemente, ma con grande delicatezza e sensibilità, grazie anche al contributo degli attori Maria Grazia Di Donato ed Enzo Samaritani, i principali momenti di quel grande racconto di unità nazionale che fu il Primo Conflitto Mondiale, suggestivamente sottolineati dai canti dei Cori Alpini “Col di Lana” e “Voci della Julia”.
A tutti loro, artefici di questa serata, il nostro apprezzamento e i nostri ringraziamenti per questa grande emozione.

Il Presidente del Lions Club Pordenone Host
dott. Roberto Fedrigo

E’ stata accolta con particolare interesse la proposta del Dott. Massimo Neri di proporre una rivisitazione storica in rime e canti, riferita agli eventi più significativi della prima Guerra Mondiale. L’Autore di origine romana, l’ha intitolata “La granne guera” e la propone esprimendosi nella parlata romanesca, a tutti noi nota per la tipica cadenza fonetica.
La “Granne Guera” il 24 maggio di 99 anni or sono, iniziava condizionando la vita di milioni d’Italiani che la vissero dolorosamente tra patimenti, lutti, miserie ed atrocità. La “Granne Guera” terminava a Vittorio Veneto nel Novembre del 1918, dopo anni di sofferenze, illusioni ed eroismi.
Mancano quattro anni alla ricorrenza del centenario della fine della prima guerra e noi li vogliamo dedicare a la conoscenza più approfondita degli eventi che l’hanno caratterizzata.
Con questa serata l’autore, citando significativi eventi che si susseguono durante il conflitto, mette in risalto i sentimenti di coraggio, abnegazione ed orgoglio vissuti durante la guerra. Lo fa avvalendosi della collaborazione del Coro Alpino Col di Lana di Vittorio Veneto e del Coro Mesulano di Cordignano che impreziosiscono con le loro melodie le varie letture.
La serata giunge a puntino per completare quanto è stato fatto prima e durante l’Adunata Nazionale di Pordenone. Con l’auspicio che il nostro gruppo continui con il suo percorso ancora per molto, auguriamo a tutti Voi di vivere questa serata come una “pagina di storia da non dimenticare”.


Il Capogruppo di Prata di Pordenone
Sergio Ceccato

Il Lions Club Pordenone Host e gli Alpini della Sezione ANA di Pordenone, con la collaborazione dei Lions Club della provincia e degli altri Service Club Rotary, Fidapa, Inner Wheel, Soroptimist cittadini, in sintonia con lo spirito di solidarietà che muove tutte queste Associazioni, intendono dare un significato aggiuntivo alla serata, proponendo agli spettatori un piccolo gesto di attenzione verso i meno fortunati. Il ricavato delle offerte libere raccolte fra il pubblico sarà, infatti, destinato all’aiuto economico di alcune famiglie in difficoltà della nostra città per il tramite dei Servizi Sociali comunali.

 

NEWSLETTER

ASSOSTAMPA

Parte la campagna iscrizioni 2020 all’Assostampa Fvg, articolazione territoriale della Fnsi, sindacato unitario dei giornalisti italiani. Che in questa fase di grandi trasformazioni, di attacco alla professione, di drammatica crisi dell’Inpgi ma anche di tutto il mondo dell'editoria e del giornalismo, rimane l'ultimo importante baluardo per la tutela dei diritti e della dignità della professione giornalistica.  

Anche nel Friuli Venezia Giulia è dunque necessario rilanciare la campagna di sensibilizzazione e di iscrizione al sindacato dei colleghi, professionali e collaboratori, contrattualizzati e non contrattualizzati. Sindacato che nella nostra regione ha le quote – rimaste invariate anche nel 2020 - più basse d’Italia. C’è anche la possibilità di richiedere l’iscrizione gratuita per giornalisti professionali e collaboratori disoccupati e/o in comprovate difficoltà economiche. Sono state anche mantenute le quote scontate per i nuovi iscritti, che erano state lanciate tempo fa, ma soltanto per un anno, a livello nazionale.

SE VUOI DIFENDERE LA LIBERTÀ DI INFORMAZIONE, AIUTA IL SINDACATO…

SE CONDIVIDI LA BATTAGLIA CHE IL SINDACATO DEI GIORNALISTI PORTA AVANTI PER LA DIFESA DELLA PROFESSIONE E CONTRO TUTTE LE LEGGI BAVAGLIO; SE VUOI DARE FORZA ALL’AZIONE DEL SINDACATO A FAVORE DELLE FASCE PIU’ DEBOLI DELLA CATEGORIA, DENTRO E FUORI DALLE REDAZIONI; SE VUOI CONTRIBUIRE ALLA DIFESA E AL RINNOVAMENTO DELLA PROFESSIONE; SE CREDI CHE AVERE UN SINDACATO UNITARIO DEI GIORNALISTI SIA UNA RISORSA

ISCRIVITI – E FAI ISCRIVERE I TUOI COLLEGHI – ALL’ASSOSTAMPA FVG (e se eri già iscritto lo scorso anno, non dimenticare di rinnovare la quota 2020).

 Nel Fvg le quote per i giornalisti collaboratori sono di 45 euro, quelle per i professionali non contrattualizzati di 55 euro.

Invariata anche la quota dello 0.30 per i giornalisti professionali contrattualizzati e pensionati.

SOLTANTO PER I NUOVI ISCRITTI 2020 NON CONTRATTUALIZZATI: collaboratori 35 euro, professionali 45 euro.

(NB: professionali sono tutti i giornalisti professionisti, praticanti e i pubblicisti che svolgono comunque la professione giornalistica ai sensi dell’art. 2 dello Statuto Fnsi; collaboratori sono i pubblicisti che non rientrano nella precedente categoria).

Il pagamento della quota (per chi non versa già lo 0.30 in busta paga o con la pensione, avendo firmato l’apposita delega) può venir effettuato nei nostri uffici oppure con bonifico bancario:

Banca di Credito Cooperativo del Carso – ZKB, Riva Gulli, Trieste, IBAN IT 34 O 08928 02205 010000034417 (causale: quota 2020)

Monte dei Paschi di Siena, piazza della Borsa, Trieste, IBAN IT 50 H 01030 02230 000002958532 (causale: quota 2020)