GIORNALISTI, ANNO DECISIVO

PUBBLICITA' IN CALO

MEETING D'INVERNO

BASTA CON I TAGLI

Nel clima generale di cambiamento tecnologico, sociale ed economico, pur tra contraddizioni e difficoltà oggettive, i giornalisti mantengono la funzione fondamentale di mediazione tra la notizia e i suoi destinatari. Questo il messaggio finale del dibattito sul tema “Concorsi giornalistici e giornalismo. Il caso del Premio Simona Cigana”,  promosso dal Circolo della Stampa di Pordenone nell’ambito dei corsi di formazione dell’Ordine dei giornalisti del Friuli Venezia Giulia, nella sede dell’Opera Sacra Famiglia di Pordenone.
La chiave per entrare nell’argomento, uno dei più dibattuti sul presente e sul futuro dell’informazione è stato dunque il concorso giornalistico, nel quale si misurano professionalità e forza espressiva degli autori. Lo spunto principale è stato il “Premio Cigana”, la cui 6ª edizione si conclude tra poco più di un mese, nel quale si evidenzia il confronto diretto tra i giornalisti che vogliano mettere in gioco il frutto del loro lavoro espresso nel corso di un anno, soprattutto nel settore dell’inchiesta.
L’inchiesta, espressione principe del giornalismo, è stata dunque l’occasione del confronto al quale hanno partecipato Roberto Papetti, direttore de il Gazzettino, don Bruno Cescon, direttore de Il Popolo diocesano di Concorsia e Pordenone, Marco Pacini, caporedattore centrale de Il Piccolo, e Antonio Bacci, capocronista dell’edizione pordenonese del Messaggero Veneto, coordinati da Pietro Angelillo, presidente del Circolo della Stampa di Pordenone. Presenti giornalisti del Friuli Venezia Giulia e del Veneto, sponsor e patrocinatori del “Premio Cigana”.
L’analisi emersa è un invito a non considerare diverso l’obiettivo dell’informazione di giornali di carta, radio, televisione, on line e social network. Cambiano i metodi, non la sostanza, pur nel mutamento epocale in atto. «Restano intatte la capacità di mediazione e l’onestà intellettuale del giornalista, qualità di fondo necessarie a comprendere come cambia il pubblico dei fruitori e ad agire nel suo rispetto», ha sostenuto Roberto Papetti, che ha puntualizzato la necessità di un cambiamento non condizionato dai meccanismi del nuovo a tutti i costi, per mantenere “l’autorevolezza” del messaggio.
E sul bisogno di garantire questa qualità di fondo, Marco Pacini ha rivolto un’esortazione diretta alla categoria: «Nella società della comunicazione di massa e della rivoluzione totale che cambia il linguaggio e i modelli di riferimento, l’autorevolezza si costruisce soprattutto con l’autoformazione che significa impegno costante per essere all’altezza di governare la disintegrazione del sistema tradizionale».
Sulla necessità di mantenersi all’altezza dei tempi è intervenuto Antonio Bacci che ha focalizzato l’impegno dei giornalisti sulla conoscenza degli strumenti tecnologici moderni dell’informazione e sul colloquio con i lettori: «Non possiamo permetterci di non parlare con i destinatari delle notizie. Dobbiamo essere in grado di recepire il loro parere che contiene i segni inequivocabili di una società in evoluzione».
«Purché l’informazione sia al servizio della solidarietà sociale e della democrazia», ha avvertito don Bruno Cescon che ha definito i concorsi giornalistici diretti, come il “Premio Cigana”, l’occasione per “valorizzare il lavoro di chi è sul campo”, specialmente i giornalisti impegnati nell’indagine sociale che ancora è possibile sui giornali di carta, mentre non è ancora pratica diffusa dei social network e delle altre forme di informazione su internet.
Molti altri temi sono emersi nel dibattito, quali la fine dei giornali di carta (alcuni teorizzatori internazionali ne hanno indicato addirittura l’anno e il mese), la riduzione della pubblicità come forma di finanziamento, la carenza della legislazione (in Italia la legge sulla stampa è rimasta al tempo in cui non esisteva nemmeno la televisione), le difficoltà crescenti di assumere i giovani nelle aziende giornalistiche, la necessità di non interpretare al ribasso la figura dell’operatore dell’informazione, perché qualità dell’informazione significa qualità della società. 
Nel nome di Simona Cigana, giovane  giornalista scomparsa quando ancora non aveva concretato il suo sogno di uscita dal precariato, è stato lanciato un appello condiviso: «La società non può permettersi di tenere fuori dalla professione i giovani che possono dare di più al mondo dell’informazione».

NEWSLETTER

ASSOSTAMPA

Parte la campagna iscrizioni 2020 all’Assostampa Fvg, articolazione territoriale della Fnsi, sindacato unitario dei giornalisti italiani. Che in questa fase di grandi trasformazioni, di attacco alla professione, di drammatica crisi dell’Inpgi ma anche di tutto il mondo dell'editoria e del giornalismo, rimane l'ultimo importante baluardo per la tutela dei diritti e della dignità della professione giornalistica.  

Anche nel Friuli Venezia Giulia è dunque necessario rilanciare la campagna di sensibilizzazione e di iscrizione al sindacato dei colleghi, professionali e collaboratori, contrattualizzati e non contrattualizzati. Sindacato che nella nostra regione ha le quote – rimaste invariate anche nel 2020 - più basse d’Italia. C’è anche la possibilità di richiedere l’iscrizione gratuita per giornalisti professionali e collaboratori disoccupati e/o in comprovate difficoltà economiche. Sono state anche mantenute le quote scontate per i nuovi iscritti, che erano state lanciate tempo fa, ma soltanto per un anno, a livello nazionale.

SE VUOI DIFENDERE LA LIBERTÀ DI INFORMAZIONE, AIUTA IL SINDACATO…

SE CONDIVIDI LA BATTAGLIA CHE IL SINDACATO DEI GIORNALISTI PORTA AVANTI PER LA DIFESA DELLA PROFESSIONE E CONTRO TUTTE LE LEGGI BAVAGLIO; SE VUOI DARE FORZA ALL’AZIONE DEL SINDACATO A FAVORE DELLE FASCE PIU’ DEBOLI DELLA CATEGORIA, DENTRO E FUORI DALLE REDAZIONI; SE VUOI CONTRIBUIRE ALLA DIFESA E AL RINNOVAMENTO DELLA PROFESSIONE; SE CREDI CHE AVERE UN SINDACATO UNITARIO DEI GIORNALISTI SIA UNA RISORSA

ISCRIVITI – E FAI ISCRIVERE I TUOI COLLEGHI – ALL’ASSOSTAMPA FVG (e se eri già iscritto lo scorso anno, non dimenticare di rinnovare la quota 2020).

 Nel Fvg le quote per i giornalisti collaboratori sono di 45 euro, quelle per i professionali non contrattualizzati di 55 euro.

Invariata anche la quota dello 0.30 per i giornalisti professionali contrattualizzati e pensionati.

SOLTANTO PER I NUOVI ISCRITTI 2020 NON CONTRATTUALIZZATI: collaboratori 35 euro, professionali 45 euro.

(NB: professionali sono tutti i giornalisti professionisti, praticanti e i pubblicisti che svolgono comunque la professione giornalistica ai sensi dell’art. 2 dello Statuto Fnsi; collaboratori sono i pubblicisti che non rientrano nella precedente categoria).

Il pagamento della quota (per chi non versa già lo 0.30 in busta paga o con la pensione, avendo firmato l’apposita delega) può venir effettuato nei nostri uffici oppure con bonifico bancario:

Banca di Credito Cooperativo del Carso – ZKB, Riva Gulli, Trieste, IBAN IT 34 O 08928 02205 010000034417 (causale: quota 2020)

Monte dei Paschi di Siena, piazza della Borsa, Trieste, IBAN IT 50 H 01030 02230 000002958532 (causale: quota 2020)