Don Mario Vatta:

riconoscimento

al prete degli ultimi

Don Mario Vatta, fondatore della Comunità di San Martino al Campo, il prete degli ultimi, che impersona il volto aperto, generoso e solidale di Trieste, ha ricevuto il 49° San Giusto d'oro, tradizionale riconoscimento che giornalisti triestini assegnano a chi ha saputo distinguersi e portare con eccellenza alto il nome della città.  


 Promossa dal Comune di Trieste, dall'Associazione della Stampa del Friuli Venezia Giulia e dal Gruppo Giuliano Cronisti con il contributo della Fondazione CRTrieste (che mette a disposizione ogni anno la statuetta opera dello scultore Tristano Alberti) la cerimonia ha visto gli interventi  del presidente del Consiglio comunale Iztok Furlanic, del sindaco Roberto Cosolini, dei presidenti di Assostampa FVG Carlo Muscatello, e dell'Ordine dei Giornalisti del FVG Cristiano Degano, del vicepresidente del CdA della Fondazione CRTrieste Lucio Delcaro, della vicesindaco Fabiana Martini e del fiduciario del Gruppo Giuliano Cronisti Furio Baldassi. 
Con don Vatta,i giornalisti triestini hanno voluto premiare  un uomo che ha spe

 

so tutta la sua vita per aiutare gli ultimi, i meno fortunati, le donne e gli uomini che la nostra città ha lasciato e lascia troppo spesso ai margini. Nato nel 1937, sacerdote dal 1963, don Mario Vatta è il fondatore della Comunità di San Martino al Campo, organizzazione che da 45 anni opera a Trieste in stretta collaborazione con le istituzioni e in rete con simili realtà italiane per garantire accoglienza a chi fa più fatica: persone vittime dell’alcol, della droga, reduci dal carcere, ostaggio della solitudine, che non ce la fanno a stare al passo e hanno bisogno di assistenza, di una casa, di cure, ma soprattutto di qualcuno che condivida le loro vite in salita. E la vita di questo “prete degli ultimi”, che un biografo potrebbe descrivere elencando premi, incarichi e inaugurazioni di nuovi centri d’accoglienza, è di fatto una galleria di volti, incontri, confronti, che hanno contribuito a costruire il volto solidale della nostra città. 
 “Oggi gli ultimi sono diventati i primi con questo premio” ha detto aprendo la cerimonia il presidente del Consiglio comunale Iztok Furlanic, mentre il sindaco Roberto Cosolini ha evidenziato come don Mario è “un simbolo dell'amore verso il prossimo”, oltre che “un'autorità morale di indiscutibile esempio”. Sempre il sindaco Cosolini ha sottolineato l'importanza della sua opera: “non solo nel dare aiuto, ma nel dare strumenti e opportunità per fare uscire le persone dal bisogno, ricercando l'integrazione e la coesione”. Il presidente Carlo Muscatello ha messo in luce il valore di “un uomo che della solidarietà ha fatto la ragione della sua vita con la Comunità di San Martino al Campo”, mentre la vicesindaco Fabiana Martini, ha brevemente ripercorso il significato dell'opera di don Mario e della Comunità di San Martino al Campo, che ha visto sempre “la persona al centro e prima di tutto ed è solo il noi che vince”. “Significativo anche il fatto -ha aggiunto Martini- che questo premio sia consegnato oggi, 18 dicembre, giornata internazionale dei migranti”. 
Parole di gratitudine con commozione sono venute da don Mario Vatta. “Dalla strada -ha detto- ho imparato a leggere il Vangelo a vivere e a trasmettere alla mia gente il messaggio del Maestro”. Ricordando i tanti tipi di povertà, ha voluto ringraziare la Caritas Diocesana, espressione della Chiesa che gli è sempre stata accanto in questi 45 anni di attività, come pure quella rete infinita di solidarietà, fatta da tante persone, volontari e operatori, che rendono Trieste una città accogliente. “Questo San Giusto d'Oro fa un po' di luce sulle povertà, accende un faro più forte e ci rende ancora più attenti ai fratelli ed amici in difficoltà”.
Sempre nel corso della cerimonia è stata presentato anche suggestivo e apprezzato filmato Rai che, in tredici minuti ha ripercorso, a partire dal 1967 il quasi mezzo secolo del Premio e i suoi illustri vincitori. Una targa speciale del San Giusto d'Oro è stata conferita dal fiduciario dei Cronisti Giuliani Furio Baldassi al ristoratore Mario Suban,  l'uomo che ha servito generazioni di triestini, politici, presidenti, che ha festeggiato gli 80 anni e i 150 anni del suo storico ristorante nel rione di San Giovanni (il nonno, nel 1865, aveva aperto l'osteria allora fuori porta grazie a una vincita alla Lotteria di Vienna), un simbolo della triestinità a tavola, che ha portato il nome della città mondo, dall'Australia ai Paesi Arabi al Giappone, in qualsiasi posto ci fosse bisogno di affabilità, gusto e professionalità.
Da ricordare infine che, prima della cerimonia in Consiglio, in salotto azzurro, don Vatta ha firmato, come da tradizione, il libro d'oro del Comune, lasciando questa significativa dedica: “Il San Giusto di oggi è per noi. Noi ci sentiamo premiati e ne proviamo una gran gioia. Noi continueremo sulla strada già battuta, con tutte le donne e gli uomini di questa magnifica città di Trieste”.

NEWSLETTER

La cerimonia di proclamazione dei vincitori del “Premio Simona Cigana” è stata differita al 10 di conseguenza, è stata spostata anche la comunicazione personale ai finalisti inclusi o meno nell’elenco dei destinatari dei premi nelle singole categorie e che sarà spedita a fine novembre. Le graduatorie concorsuali saranno rese note soltanto nel giorno della premiazione. Lo slittamento della cerimonia è stata determinato dai molteplici impegni del presidente nazionale dell’Ordine, Carlo Verna, che interverrà ad Aviano assieme al presidente regionale Cristiano Degano. Il 10° anniversario del nostro concorso giornalistico merita infatti un’ufficializzazione che doverosamente ci sentivamo di offrire all’evento di chiusura. Nell’occasione sarà anche presentata l’11ª edizione, 2019-2020.

Nel nostro sito

https://www.stampa-pordenone.it/

TUTTI I CORSI DI FORMAZIONE PER GIORNALISTI NELLA REGIONE FVG

BASTA CON LA STAGIONE DEI TAGLI – MOBILITAZIONE NAZIONALE

RIFORMA DELLA PROFESSIONE – APPELLO DEI PRESIDENTI

STAMPA, RACCOLTA PUBBLICITARIA IN FORTE CALO

32 MILIONI DI ITALIANI ON LINE OGNI GIORNO