GIORNALISTI, ANNO DECISIVO

PUBBLICITA' IN CALO

MEETING D'INVERNO

BASTA CON I TAGLI

Pene più pesanti

a chi molesta i cronisti
“Le aggressioni ai cronisti sono aggressioni all'articolo 21 della Costituzione. La prima cosa che si deve fare è quella di introdurre un'aggravante che oggi non c'è nel nostro ordinamento, che è quella di una sanzione speciale ai danni di chi molesta il diritto di cronaca e aggredisce i cronisti, perché si tratta di un'aggressione contro l'interesse generale”.

Questa la proposta avanzata dal presidente della Fnsi, Giuseppe Giulietti, nel corso dell’incontro con i giornalisti minacciati che si è svolto a Napoli su iniziativa della Federazione nazionale della stampa italiana, del Sindacato unitario giornalisti Campania e dell’Ordine regionale dei giornalisti.
All’affollata assemblea di giornalisti e operatori dell’informazione erano presenti, tra gli altri, anche il sottosegretario alla Giustizia Gennaro Migliore, il vicesindaco di Napoli Raffaele Del Giudice, il responsabile della formazione della Fnsi Paolo Butturini, il segretario del sindacato campano Claudio Silvestri, il presidente dell'Ordine dei giornalisti della Campania Ottavio Lucarelli. “Credo sia giusto introdurre una misura che tuteli dal punto di vista normativo il lavoro del giornalista”, ha detto il sottosegretario Migliore accogliendo la proposta avanzata dal presidente Giulietti. “Per noi - ha aggiunto - l'articolo 21, la libertà di stampa sono basi fondanti del nostro ordinamento e ritengo sia giusto introdurre un'aggravante anche a seguito della relazione della commissione Antimafia in cui è stata riconosciuta la necessità di intervenire con una specifica tipizzazione del reato”.
Migliore ha poi evidenziato la necessità di prestare attenzione “non solo ai giornalisti noti che sono stati minacciati, ma anche ai meno noti perché spesso sono lavoratori precari che svolgono un'attività impressionante di accumulo di informazioni sui territori e che sono più esposti a ritorsioni”, e si è poi soffermato sul tema della ‘querele temerarie’, definendole “prevaricazioni legali compiute anche da chi fa politica nei confronti di chi fa informazione e che in alcuni casi possono portare anche alla chiusura di piccole testate, impedendo così lo svolgimento dell'attività lavorativa giornalistica tutelata dalla Costituzione”.
L'altro impegno preso dal Sottosegretario riguarda l’istituzione di un tavolo permanente sul territorio che permetta, in caso di rischi per i cronisti, di agire in tempi rapidi anche sull'avvio delle indagini, mentre il vicesindaco Del Giudice ha ribadito che il Comune sarà in prima linea nella tutela del diritto di cronaca invitando a promuovere iniziative per la diffusione della cultura dell'informazione sui territori e tra i più giovani.

NEWSLETTER

ASSOSTAMPA

Parte la campagna iscrizioni 2020 all’Assostampa Fvg, articolazione territoriale della Fnsi, sindacato unitario dei giornalisti italiani. Che in questa fase di grandi trasformazioni, di attacco alla professione, di drammatica crisi dell’Inpgi ma anche di tutto il mondo dell'editoria e del giornalismo, rimane l'ultimo importante baluardo per la tutela dei diritti e della dignità della professione giornalistica.  

Anche nel Friuli Venezia Giulia è dunque necessario rilanciare la campagna di sensibilizzazione e di iscrizione al sindacato dei colleghi, professionali e collaboratori, contrattualizzati e non contrattualizzati. Sindacato che nella nostra regione ha le quote – rimaste invariate anche nel 2020 - più basse d’Italia. C’è anche la possibilità di richiedere l’iscrizione gratuita per giornalisti professionali e collaboratori disoccupati e/o in comprovate difficoltà economiche. Sono state anche mantenute le quote scontate per i nuovi iscritti, che erano state lanciate tempo fa, ma soltanto per un anno, a livello nazionale.

SE VUOI DIFENDERE LA LIBERTÀ DI INFORMAZIONE, AIUTA IL SINDACATO…

SE CONDIVIDI LA BATTAGLIA CHE IL SINDACATO DEI GIORNALISTI PORTA AVANTI PER LA DIFESA DELLA PROFESSIONE E CONTRO TUTTE LE LEGGI BAVAGLIO; SE VUOI DARE FORZA ALL’AZIONE DEL SINDACATO A FAVORE DELLE FASCE PIU’ DEBOLI DELLA CATEGORIA, DENTRO E FUORI DALLE REDAZIONI; SE VUOI CONTRIBUIRE ALLA DIFESA E AL RINNOVAMENTO DELLA PROFESSIONE; SE CREDI CHE AVERE UN SINDACATO UNITARIO DEI GIORNALISTI SIA UNA RISORSA

ISCRIVITI – E FAI ISCRIVERE I TUOI COLLEGHI – ALL’ASSOSTAMPA FVG (e se eri già iscritto lo scorso anno, non dimenticare di rinnovare la quota 2020).

 Nel Fvg le quote per i giornalisti collaboratori sono di 45 euro, quelle per i professionali non contrattualizzati di 55 euro.

Invariata anche la quota dello 0.30 per i giornalisti professionali contrattualizzati e pensionati.

SOLTANTO PER I NUOVI ISCRITTI 2020 NON CONTRATTUALIZZATI: collaboratori 35 euro, professionali 45 euro.

(NB: professionali sono tutti i giornalisti professionisti, praticanti e i pubblicisti che svolgono comunque la professione giornalistica ai sensi dell’art. 2 dello Statuto Fnsi; collaboratori sono i pubblicisti che non rientrano nella precedente categoria).

Il pagamento della quota (per chi non versa già lo 0.30 in busta paga o con la pensione, avendo firmato l’apposita delega) può venir effettuato nei nostri uffici oppure con bonifico bancario:

Banca di Credito Cooperativo del Carso – ZKB, Riva Gulli, Trieste, IBAN IT 34 O 08928 02205 010000034417 (causale: quota 2020)

Monte dei Paschi di Siena, piazza della Borsa, Trieste, IBAN IT 50 H 01030 02230 000002958532 (causale: quota 2020)