FUTURO CONTEMPORANEO - INTRODUZIONE

A causa delle limitazioni dovute alla pandemia di Coronavirus non siamo riusciti a dare vita alla seconda edizione di “Futuro Contemporaneo” che avevamo fissato per i giorni 12, 13 e 14 maggio. Nello stato di incertezza generale che ha portato al rinvio o all’annullamento di tanti eventi pubblici, preferiamo realizzare virtualmente alla nostra iniziativa, riportando gradualmente i concetti principali degli interventi dei relatori e l’auspicabile dibattito (aperto a tutti) che essi genereranno.

LEGGI TUTTO

Italo Zannier, Giorgio Zanchini

e Massimo Donà:

Formazione e Soci Onorari

Doppio appuntamento a Pordenonelegge con i corsi di formazione promossi da Circolo Stampa Pordenone e Ordine dei Giornalisti. Ospiti-docenti saranno Italo Zannier e Giorgio Zanchini, entrambi giovedì 15 settembre a Palazzo Montereale Mantica.

Pordenone, 15 settembre - Palazzo Montereale Mantica, Corso Vittorio Emanuele II, 56 - Ore 16.30-18.30
VERSO L’INVISIBILE. LA FOTOGRAFIA TRA INVENZIONI, SCOPERTE, EVENTI DELLA SECONDA METÀ DELL’OTTOCENTO
Incontro a cura del Circolo della Stampa di Pordenone in collaborazione con Pordenonelegge, organizzato all'interno delle edizione 2016 di “Pordenonelegge”.
Incontro incentrato sulle tematiche dell'omonimo libro di Italo Zannier legato allo spaccato storico/sociale riguardante genesi e sviluppi della fotografia, intesa tra forma d'arte e progresso tecnologico. Relatori: Italo Zannier, scrittore, divulgatore e primo docente in Italia in campo accademico, sin dal 1971, della materia Storia della Fotografia. Assieme a lui il filosofo e musicista Massimo Donà, docente di Metafisica e Ontologia dell'Arte all'Università Vita – Salute San Raffaele di Milano, scrittore e jazzista, fondatore del Massimo Donà Quintet, con cui ha inciso diversi album.
Crediti formativi: 2

Pordenone, 15 settembre - Palazzo Montereale Mantica, Corso Vittorio Emanuele II, 56 - Ore 18.30-20.30
LEGGERE, COSA E COME. IL GIORNALISMO E L'INFORMAZIONE CULTURALE NELL'ERA DELLA RETE
Incontro a cura del Circolo della Stampa di Pordenone in collaborazione con Pordenonelegge, organizzato all'interno delle edizione 2016 di “Pordenonelegge”.
Focus sulle nuove frontiere della cultura e dell'informazione. Relatore Giorgio Zanchini, giornalista Rai, conduttore di “Radio anch'io” ( Radio 1) e già conduttore di “Tutta la città ne parla” (Rai radio 3), laureato in Giurisprudenza e specializzato in Comunicazione e Giornalismo alla Luiss di Roma, dirige assieme a Lella Mazzoli il Festival del Giornalismo Culturale con sede a Urbino.
Crediti formativi: 2

ITALO ZANNIER
Socio Onorario
Italo Zannier è uno dei riferimenti più limpidi della cultura italiana e internazionale. Dai tempi giovanili del neorealismo all’insegnamento (primo docente universitario della fotografia), fino al postneoralismo si è sempre distinto come autore, caposcuola, critico, filologo, collezionista, animatore e direttore di riviste,  saggista e storico della fotografia.
Ogni suo scatto, ogni suo scritto, ogni suo intervento esprimono l’ineguagliabile forza dell’arte fotografica nel rappresentare i mutamenti della società e dei luoghi della nostra vita.
Un impegno intenso che gli è valso numerosi riconoscimenti di prestigio dal mondo accademico, come la laurea honoris causa in conservazione dei beni culturali, e la gratitudine di una folta schiera di allievi dei suoi corsi universitari.
Per questa sua esemplare attività il Circolo della Stampa di Pordenone, che già lo ha insignito del Premio “Il Pennino d’oro” per il suo impegno  pubblicistico, si pregia di conferirgli il titolo statutario di Socio Onorario.

GIORGIO ZANCHINI
Socio Onorario
Riconoscimenti ne ha già ottenuti ma non bastano a definire la sua professionalità e la sua preparazione. Giorgio Zanchini giovane esponente tra i più importanti del giornalismo italiano per capacità di approfondimento, rapidità di analisi ed efficacia di coinvolgimento.
In particolare è scrittore, specialista di comunicazione e mass media,    studioso della crisi del giornalismo e del rapporto tra i giovani e la professione, conduttore radiofonico e televisivo.
La sua poliedricità si completa con tanti altri impegni e interessi, compresi il giornalismo anglosassone e il giornalismo culturale. A quest'ultimo proposito va citata la sua direzione, con Lella Mazzoli, del Festival del giornalismo culturale di Urbino e Fano.
Per questi motivi, che onorano la nostra categoria, il Circolo della Stampa di Pordenone si pregia di conferirgli il titolo statutario di Socio Onorario.

MASSIMO DONÀ
Socio Onorario
Filosofia e musica, non in alternanza, ma come scelta di vita nella quale la musica è filosofia suprema. Massimo Donà, filosofo e musicista, ha fatto proprio questo intenso messaggio che ci arriva dall’antica Grecia.
Al suo attivo ha una poliedrica produzione artistica rivolta a un pubblico che ama il jazz e gradisce l’elaborazione del pensiero per sfuggire alla superficialità e alla vacuità degli effetti.
Un protagonista universale a tutto tondo che ci parla attraverso una continua e interconnessa attività di docente universitario, musicista, concertista. Un grande comunicatore anche attraverso la scrittura di molti libri, saggi e articoli giornalistici su riviste specializzate e su periodici di grande diffusione.
Per questi motivi, che onorano la nostra categoria, il Circolo della Stampa di Pordenone si pregia di conferirgli il titolo statutario di Socio Onorario.