CORSI DI FORMAZIONE

Si consiglia ai colleghi, soprattutto a quanti si iscrivono ad un corso con largo anticipo, di verificare un paio di giorni prima sulla Piattaforma Sigef eventuali cambi di sede o di orario del corso stesso. In alcuni casi, infatti, l'improvvisa indisponibilità di una sala, o l'alto numero di iscritti e di colleghi in lista d'attesa per l'evento formativo, impongono un cambio della location rispetto alle indicazioni iniziali.

Mercoledì 10 aprile 2019. Dalle 17.30 alle 19.30, Sala grande di Cinemazero, Pordenone.
Argomento. “Gaza, gigantesca prigione all’aperto per 3 milioni di persone”
Relatori. Mustafa Hassuna (fotografo, autore di reportage dalla striscia di Gaza), Riccardo Costantini (direttore di Cinemazero).
Organizazione. Cinemazero-Festival Le Voci dell’inchiesta-Pordenone Docs Fest, Circolo della Stampa di Pordenone, Ordine dei giornalisti FVG, Oxfam Italia.
Riferimento. Festival Le Voci dell’inchiesta-Pordenone Docs Fest.

Mercoledì 10 aprile 2019. Dalle 20.30 alle 23.30, Sala grande di Cinemazro, Pordenone.
Argomento. “L’ombra inquietante di Steve Bannon sulle elezioni europee”.
Relatori. Alison Klayman (regista del film “Sull’orlo dell’abisso”), Giovanna Botteri (corrispondente Rai dagli Stati Uniti, in collegamento da New York), in collegamento da New York), Riccardo Costantini (direttore di Cinemazero),
Organizzazione. Cinemazero-Festival Le Voci dell’inchiesta-Pordenone Docs Fest, Circolo della Stampa di Pordenone, Ordine dei giornalisti FVG, Associazione Il Capitello, Egon Spa.
Riferimento. Festival Le Voci dell’inchiesta-Pordenone Docs Fest.

Venerdì 12 aprile 2019. Dalle 18 alle 20, via Jacopo Linussio, 1/A, Pordenone.
Argomento. “L’intelligenza artificiale. Quale futuro per l’uomo?”
Relatori. Lorenzo Pinna (Giornalista scientifico, scrittore, divulgatore scientifico), Alberto Garlini (giornalisti, scrittore, co-curatore di Pordenonelegge).
Organizazione. Pordenonelegge, Circolo della Stampa di Pordenone, Ordine dei giornalisti FVG.

Si raccomanda ai colleghi che, per qualsivoglia motivo, non possono partecipare ad un corso al quale si erano iscritti di cancellare la propria prenotazione sulla piattaforma per consentire la partecipazione ai colleghi in lista d’attesa.
A questi ultimi consigliamo di presentarsi comunque al corso nell’eventualità, fino ad oggi non infrequente, che ci siano dei posti liberi.

DISPONIBILE IL CORSO ONLINE DEL CNOG “LA NUOVA DEONTOLOGIA”
Il Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti in collaborazione con il Centro di Documentazione giornalistica ha realizzato un nuovo corso online sul Testo unico della deontologia giornalistica riconosciuto per la formazione professionale continua dei giornalisti. La frequenza e il superamento del corso danno diritto, infatti, a 10 CFP deontologici. Il corso è disponibile sulla piattaforma Sigef.

Tutti gli eventi proposti sono inseriti sulla piattaforma Sigef.
Questo il link per procedere con le prenotazioni: https://sigef-odg.lansystems.it/sigef/

Gli iscritti possono visionare sul sito del Consiglio nazionale il nuovo regolamento sulla Formazione Professionale Continua in vigore dal 31 maggio 2016.
Questo il link: regolamento sulla formazione professionale

 

Si precisa che l'assegnazione dei crediti prevede la partecipazione al corso dall'inizio al termine dell'appuntamento.

Verso il nuovo contratto

di Carlo Muscatello (*)

Nel 2017 dovrebbe finalmente essere rinnovato il contratto di lavoro. Come sapete, era stato disdettato dagli editori, una parte dei quali il contratto collettivo proprio non lo vorrebbe più. Ma, smentendo previsioni pessimistiche o addirittura catastrofiche, il sindacato dei giornalisti ha ottenuto che il vecchio contratto rimanga in vigore fino a quando non ne verrà firmato uno nuovo. Un risultato non da poco, considerata la situazione.
C'è tutto il tempo, dunque, per riavviare il tavolo di confronto, finora bloccato dall'attesa della legge di riforma dell'editoria, approvata dal parlamento e in vigore dal 15 novembre. Mancano ora i decreti attuativi, ma c'è l'impegno del governo  a provvedere in tempi brevi. Ci sono di mezzo anche la composizione e le competenze del Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti: la previsione contenuta nel Decreto Milleproroghe farà sì che si andrà al voto con le nuove regole e i nuovi numeri, anche questo un risultato non trascurabile.
Ma torniamo al contratto. La Fieg aveva chiesto la revisione - ovviamente al ribasso - di ventuno istituti contrattuali: dalle ferie ai festivi, dai superfestivi al notturno, dalle mansioni alle domeniche, dall’incidenza del settimo numero al calcolo della 13a, dagli straordinari agli scatti… Praticamente gli editori volevano e vogliono riscrivere tutto il contratto, per abbassare ulteriormente il costo del lavoro giornalistico, stante il perdurare della crisi economica.
La posizione della Fnsi non è cambiata: ha chiesto innanzitutto nuovi posti di lavoro, sottolineando che la categoria non è in grado di reggere ulteriori flessibilità né un altro contratto “a perdere”, senza un immediato e deciso rilancio dell’occupazione, in forte calo da diversi anni. Senza investimenti, insomma, non c’è ripresa del mercato del lavoro e non c’è futuro per il giornalismo italiano e per gli stessi istituti di categoria. L'Inpgi, insomma, non si salva solo con la sofferta riforma in arrivo, ma con nuovi posti di lavoro. Stesso discorso per la Casagit.
La battaglia per il contratto non esaurisce ovviamente l'impegno del sindacato dei giornalisti, nell'ultimo anno impegnato a tutto campo per la difesa della libertà di informazione, non solo in Italia. C'è un disegno di legge per la riforma del reato di diffamazione (e finalmente la cancellazione della previsione del carcere per i giornalisti), c'è l'impegno contro le querele temerarie, per la tutela dei cronisti minacciati, per il contrasto al linguaggio dell'odio e della violenza ("hate speech"), sul web ma non solo sul web. Pare che il governo finalmente cominci a sentire... E per quanto riguarda la Rai, c'è l'impegno, assieme all'Usigrai, per "mettere in campo iniziative per costruire un futuro radicalmente rinnovato del Servizio pubblico".
Un capitolo a parte riguarda le concentrazioni editoriali e le grandi fusioni, settore nel quale la normativa è carente e attualmente permette agli editori notevole libertà di azione. L'operazione Stampubblica intanto procede. Il Gruppo Espresso, che in regione possiede Messaggero Veneto e Piccolo, ha già ceduto o dato "in affitto" alcune testate. Il rischio è che non sia finita qui.
In questa situazione complessa e di grande difficoltà, l’Assostampa Fvg continua  a fare la sua parte all’interno della Fnsi, sindacato unitario dei giornalisti italiani. Il lavoro, il rispetto del contratto, la tutela dei colleghi più deboli rimangono le priorità della nostra azione e del nostro impegno. In un panorama dove gli stati di crisi, le ristrutturazioni, i contratti di solidarietà non si contano anche nel nostro Nordest, nei primi mesi dell'anno il sindacato tornerà al tavolo di confronto con le aziende al Piccolo e al Gazzettino, entrambi in stato di crisi. Ma ci sono anche i problemi del Messaggero Veneto, del Primorski Dnevnik, della Rai regionale, delle agenzie di stampa, dell’emittenza privata, delle testate più piccole. E degli uffici stampa della pubblica amministrazione, che ancora aspettano l'applicazione del contratto di lavoro giornalistico: novità potrebbero arrivare dalla tanto attesa legge regionale sull'editoria, che ormai sembra finalmente arrivata all'ultimo miglio prima dell'approvazione e dell'entrata in vigore.
L'appello conclusivo è quello di sempre. Iscrivetevi al sindacato unitario dei giornalisti. Ne abbiamo bisogno. Per difendere meglio il lavoro e i diritti dei colleghi, soprattutto i più deboli, ma anche la qualità e il ruolo dell’informazione, abbiamo sempre bisogno di una Fnsi più forte. Di cui è articolazione territoriale l’Assostampa Fvg, anche quest'anno con le quote d'iscrizione immutate: le più basse d’Italia. E i colleghi in difficoltà possono chiedere l'iscrizione gratuita. Buon anno a tutte e a tutti.
 
(*) presidente Assostampa Fvg
componente giunta esecutiva Fnsi

 

IN BREVE

CONVENZIONE PER SERVIZI FISCALI PER ISCRITTI ASSOSTAMPA FVG

Il sindacato regionale ha sottoscritto un accordo vantaggioso con le Acli, che ha uffici nelle quattro province. L’Assostampa Fvg ha sottoscritto una convenzione con l’Acli Service di Trieste/Gorizia, Udine e Pordenone per la compilazione delle dichiarazioni dei redditi e più in generale per servizi e consulenze fiscali. La convenzione - riservata agli iscritti in regola con la quota associativa e ai loro familiari - si aggiunge ai tanti servizi e alle numerose convenzioni già esistenti (vedi sito www.assostampafvg.it) e risponde alle richieste e alle esigenze di molti colleghi, che potranno ora accedere ai servizi di consulenza fiscale con tariffe molto vantaggiose, garantiti da una struttura di livello nazionale di consolidata competenza ed esperienza. (leggi tutto)

QUOTE ALBO 2019
La quota Albo per il 2019 è di euro 120 (130 per l'elenco speciale). Per i pagamenti effettuati dopo il 31 gennaio si applica, a termini di legge, una mora del 10%.
I giornalisti professionisti e pubblicisti che possono autocertificare di essere titolari di pensione di vecchiaia o invalidità pagheranno metà quota (modulo scaricabile sul nostro sito o disponibile nei nostri uffici). E' possibile effettuare un bonifico bancario da intestare a Ordine dei giornalisti FVG indicando sempre cognome e nome dell'iscritto/a. Questo l'IBAN: IT 78 R 02008 02230 000103129568 - I versamenti potranno anche essere effettuati a: - Trieste in Corso Italia 13 (da lunedì a venerdì dalle 9 alle 13), telefono 040/3728586; - Udine negli uffici di via Manin 18 (presso la Società Filologica Friulana) dalle 10 alle 12, da lunedì a venerdì, telefono 0432/508384; - Pordenone presso la "Propordenone" in Viale Cossetti 20/A, 10-12 (lunedì/venerdì), telefono 0434/1777805

COMUNICAZIONE AGLI ISCRITTI
Si invitano gli iscritti a comunicare, via email a info@odg.fvg.it, le variazioni di residenza, posta elettronica e recapiti telefonici per poter aggiornare la scheda personale e trasmettere i dati esatti alla piattaforma Sigef per la formazione.

RINNOVATA LA CONVENZIONE PER SERVIZI DI TRASPORTO
Rinnovata la convenzione tra l'Ordine regionale dei giornalisti Fvg e la S.L.A.I. (Servizi Logistici agli Istituti s.n.c.) relativamente al trasporto con navetta da/per gli aeroporti di Ronchi dei Legionari, Venezia, Treviso, Udine, Roma e Lubiana e rivolta ai giornalisti regolarmente iscritti al nostro Albo. 
Il testo della nuova convenzione
AGEVOLAZIONI PER GIORNALISTI ALLE PALESTRE CALIFORNIA
Le palestre California di Trieste e provincia offrono ai colleghi, in regola con la quota annuale 2019, delle condizioni particolarmente favorevoli. In particolare, chi si presenta con la tessera dell'Ordine ha diritto all'iscrizione annuale gratuita (normalmente del costo di 30 euro) e pagherà 40 euro (anziché 65) l'abbonamento mensile che da l'accesso alla sala pesi e ai corsi, tranne quelli di arti marziali. La riduzione è personale e non estendibile a terzi o a familiari e permette di frequentare indistintamente le Palestre California di Roiano, San Giovanni, Campi Elisi, Viale D'Annunzio e Muggia Porto San Rocco. L'offerta è valida per tutto il 2019.
Per maggiori informazioni https://www.californiapalestre.it/

LE CONVENZIONI STIPULATE DAL CONSIGLIO NAZIONALE
Questo il link dove sono inserite varie convenzioni stipulate dal Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti: http://www.odg.it/category/convenzioni