GIORNALISTI, ANNO DECISIVO

PUBBLICITA' IN CALO

MEETING D'INVERNO

BASTA CON I TAGLI

"Tra Terra e Cielo", nuovo libro di Strasiotto

 Tanti sacerdoti della diocesi di Concordia Pordenone sono i protagonisti di "Tra terra e cielo", secondo volume, pubblicato in questi giorni a firma di Giovanni Strasiotto collaboratore de "Il Popolo".
Il primo volume, datato 2012, aveva suscitato grande interesse

per aver raccolte le biografie di sacerdoti diocesani che tanto si sono spesi per la nostra gente,vivendo in pienezza il Vangelo, in epoche storiche di miseria fisica e morale. Il materiale, o meglio i "medaglioni" curati da Strasiotto sono centinaia.
Il secondo testo ne raccoglie 31, cui si è aggiunta una parte relativa al ruolo del clero diocesano nella Grande guerra, della quale si sta ricordando proprio in questi anni il centenario.
Abbiamo chiesto a Giovanni Strasiotto quando è nata in lui l’idea di scrivere i medaglioni, ben sapendolo da sempre impegnato nel sociale, sindaco di Pravisdomini, appassionato e cultore di storia locale. "L’idea è nata per ribellione!!! - ha scritto per noi Strasiotto - A Pravisdomini avevamo la più vecchia Cassa Rurale d’Italia e ci apprestavamo a celebrare il centenario nel 1984. Dovevo prepararmi per un discorso e per scrivere qualche articolo. Ho cercato notizie sulle prime Casse di Prestiti in Italia, nate per frenare l’imperversare dell’usura che arrivava al 200%. Ho rilevato che ben quattro casse delle prime sette erano nate da noi. I fondatori erano sempre sacerdoti e accanto alle Casse istituivano altre forme di cooperazione. Sfogliando La Concordia e alcuni vecchi libri ho scoperto il meraviglioso lavoro dei parroci per l’elevazione delle classi rurali, l’alfabetizzazione, per gli emigranti, la diffusione di Cattedre di agricoltura. Finite le celebrazioni ho messo in un cassettone le mie ricerche. Quindici anni dopo mi è stato regalato un libro che esaltava la figura di un laico fondatore di Cassa rurale collocata per fondazione oltre il centesimo posto e ho proposto al settimanale diocesano alcune figure di sacerdoti protagonisti del periodo in cui si svolsero le lotte sociali. La ricerca ha fatto emergere anche grandi personalità di sacerdoti in campo culturale e quelle che hanno vissuto i conflitti mondiali. Il lavoro non è completo. Tanti sono i protagonisti spesso sconosciuti".
La seconda raccolta di biografie di sacerdoti firmate da Strasiotto propone sacerdoti che hanno contribuito a diffondere la dottrina sociale della chiesa come mons. Luigi Tinti, vissuti in povertà come don Marco Bottosso, sempre pronti ad accorrere d’urgenza anche la notte al letto di un malato come don Lodovico Maura, attivi per il nostro Seminario come mons. Massimino Morello, cappellani militari che hanno celebrare l’Eucaristia nelle trincee, tra neve e ghiaccio, come mons. Luigi Janes.
Nel presentarla il vescovo S.E. mons. Giuseppe Pellegrini ha scritto: "Possano essere conosciuti anche dalle giovani generazioni, spesso prive di memoria. La storia che è stata scritta da questi sacerdoti sia di insegnamento e sprone a non abbandonare mai il Vangelo".
Da parte nostra un grazie per aver avuto l’onore di collaborare alla pubblicazione del testo.

L'intervista

Abbiamo chiesto a Giovanni Strasiotto, Socio Onorario del Circolo della Stampa, quando è nata in lui l’idea di scrivere i medaglioni, ben sapendolo da sempre impegnato nel sociale, sindaco di Pravisdomini, appassionato e cultore di storia locale. "L’idea è nata per ribellione!!! - ha scritto per noi Strasiotto - A Pravisdomini avevamo la più vecchia Cassa Rurale d’Italia e ci apprestavamo a celebrare il centenario nel 1984. Dovevo prepararmi per un discorso e per scrivere qualche articolo. Ho cercato notizie sulle prime Casse di Prestiti in Italia, nate per frenare l’imperversare dell’usura che arrivava al 200%.

Ho rilevato che ben quattro casse delle prime sette erano nate da noi. I fondatori erano sempre sacerdoti e accanto alle Casse istituivano altre forme di cooperazione. Sfogliando La Concordia e alcuni vecchi libri ho scoperto il meraviglioso lavoro dei parroci per l’elevazione delle classi rurali, l’alfabetizzazione, per gli emigranti, la diffusione di Cattedre di agricoltura. Finite le celebrazioni ho messo in un cassettone le mie ricerche. Quindici anni dopo mi è stato regalato un libro che esaltava la figura di un laico fondatore di Cassa rurale collocata per fondazione oltre il centesimo posto e ho proposto al settimanale diocesano alcune figure di sacerdoti protagonisti del periodo in cui si svolsero le lotte sociali. La ricerca ha fatto emergere anche grandi personalità di sacerdoti in campo culturale e quelle che hanno vissuto i conflitti mondiali. Il lavoro non è completo. Tanti sono i protagonisti spesso sconosciuti".

La seconda raccolta di biografie di sacerdoti firmate da Strasiotto propone sacerdoti che hanno contribuito a diffondere la dottrina sociale della chiesa come mons. Luigi Tinti, vissuti in povertà come don Marco Bottosso, sempre pronti ad accorrere d’urgenza anche la notte al letto di un malato come don Lodovico Maura, attivi per il nostro Seminario come mons. Massimino Morello, cappellani militari che hanno celebrare l’Eucaristia nelle trincee, tra neve e ghiaccio, come mons. Luigi Janes.

Nel presentarla il vescovo S.E. mons. Giuseppe Pellegrini ha scritto: "Possano essere conosciuti anche dalle giovani generazioni, spesso prive di memoria. La storia che è stata scritta da questi sacerdoti sia di insegnamento e sprone a non abbandonare mai il Vangelo".
Da parte nostra un grazie per aver avuto l’onore di collaborare alla pubblicazione del testo.
Maria Luisa Gaspardo Agosti

La presentazione del Volume.

NEWSLETTER

ASSOSTAMPA

Parte la campagna iscrizioni 2020 all’Assostampa Fvg, articolazione territoriale della Fnsi, sindacato unitario dei giornalisti italiani. Che in questa fase di grandi trasformazioni, di attacco alla professione, di drammatica crisi dell’Inpgi ma anche di tutto il mondo dell'editoria e del giornalismo, rimane l'ultimo importante baluardo per la tutela dei diritti e della dignità della professione giornalistica.  

Anche nel Friuli Venezia Giulia è dunque necessario rilanciare la campagna di sensibilizzazione e di iscrizione al sindacato dei colleghi, professionali e collaboratori, contrattualizzati e non contrattualizzati. Sindacato che nella nostra regione ha le quote – rimaste invariate anche nel 2020 - più basse d’Italia. C’è anche la possibilità di richiedere l’iscrizione gratuita per giornalisti professionali e collaboratori disoccupati e/o in comprovate difficoltà economiche. Sono state anche mantenute le quote scontate per i nuovi iscritti, che erano state lanciate tempo fa, ma soltanto per un anno, a livello nazionale.

SE VUOI DIFENDERE LA LIBERTÀ DI INFORMAZIONE, AIUTA IL SINDACATO…

SE CONDIVIDI LA BATTAGLIA CHE IL SINDACATO DEI GIORNALISTI PORTA AVANTI PER LA DIFESA DELLA PROFESSIONE E CONTRO TUTTE LE LEGGI BAVAGLIO; SE VUOI DARE FORZA ALL’AZIONE DEL SINDACATO A FAVORE DELLE FASCE PIU’ DEBOLI DELLA CATEGORIA, DENTRO E FUORI DALLE REDAZIONI; SE VUOI CONTRIBUIRE ALLA DIFESA E AL RINNOVAMENTO DELLA PROFESSIONE; SE CREDI CHE AVERE UN SINDACATO UNITARIO DEI GIORNALISTI SIA UNA RISORSA

ISCRIVITI – E FAI ISCRIVERE I TUOI COLLEGHI – ALL’ASSOSTAMPA FVG (e se eri già iscritto lo scorso anno, non dimenticare di rinnovare la quota 2020).

 Nel Fvg le quote per i giornalisti collaboratori sono di 45 euro, quelle per i professionali non contrattualizzati di 55 euro.

Invariata anche la quota dello 0.30 per i giornalisti professionali contrattualizzati e pensionati.

SOLTANTO PER I NUOVI ISCRITTI 2020 NON CONTRATTUALIZZATI: collaboratori 35 euro, professionali 45 euro.

(NB: professionali sono tutti i giornalisti professionisti, praticanti e i pubblicisti che svolgono comunque la professione giornalistica ai sensi dell’art. 2 dello Statuto Fnsi; collaboratori sono i pubblicisti che non rientrano nella precedente categoria).

Il pagamento della quota (per chi non versa già lo 0.30 in busta paga o con la pensione, avendo firmato l’apposita delega) può venir effettuato nei nostri uffici oppure con bonifico bancario:

Banca di Credito Cooperativo del Carso – ZKB, Riva Gulli, Trieste, IBAN IT 34 O 08928 02205 010000034417 (causale: quota 2020)

Monte dei Paschi di Siena, piazza della Borsa, Trieste, IBAN IT 50 H 01030 02230 000002958532 (causale: quota 2020)