Le migliori firme a Link - Premio Luchetta

"Link - Premio Luchetta incontra 2017" alla terza edizione, dopo aver ben che frizionato i muscoli intellettivi del pubblico negli scorsi anni, esce ufficialmente dalla fase di "prova" e torna dal 21 al 23 aprile in piazza della Borsa con la tensostruttura Fincantieri Newsroom, concentrando in un unico punto il Festival del buon giornalismo.

Quella che è una missione, (presentata da Giovanni Marzini, segretario della giuria del Premio Luchetta, dagli assessori alla Cultura regionale e comunale Gianni Torrenti e Giorgio Rossi, dal direttore della Rai Fvg Guido Corso, dal responsabile dell’ufficio stampa Fincantieri Antonio Autorino e dalla presidente Daniela Luchetta), e cioè di portare a Trieste le migliori firme del panorama nazionale e internazionale a confrontarsi su temi di attualità, continua assieme alla serata di consegna del Premio Giornalistico internazionale Marco Luchetta, arrivato alla 14.a edizione. Istituito dalla Fondazione Luchetta Ota D'Angelo Hrovatin, è a cura di Francesca Fresa per l'organizzazione di Prandicom, con il sostegno di Fincantieri e con l'apporto della Regione Fvg, mediapartner la Rai e il quotidiano Il Piccolo. 
L'apertura del Festival sarà d'eccezione: lo scrittore Alan Friedman e Tiziana Ferrario, corrispondente Rai da New York, "affronteranno" Trump con "Questa non è l'America". Prima del debutto ufficiale, che porterà sul palco dibattiti, talk, presslab, conversazioni sceniche, le dirette con le notizie e le rassegne stampa d'autore con caffè e brioche, Link verrà anticipato dalla riunione della giuria del Premio che annuncerà i vincitori di quest'anno sabato, alle 11, e da un'intervista di Fabrizio Ferragni, direttore delle Relazioni istituzionali della Rai alla presidente Daniela Luchetta su 23 anni della Fondazione. E ancora dalla "News parade", un sondaggio dell'osservatorio Swg: "Cosa vuole veramente la gente dai giornali?" ha spiegato Marzini. Un incontro a cui parteciperanno Enzo D'Antona, direttore del Piccolo, il direttore della RaiTgr Vincenzo Morgante, il direttore del Giornale Radio Rai e Radiouno Andrea Montanari, il responsabile della redazione Ansa di Trieste Alfonso Di Leva e Maurizio Pessato, presidente Swg. Ci saranno nella tre giorni Corrado Augias a parlare di un tema sintomatico: Che mondo che fa. Ma poi ci sarà spazio anche per le esperienze del giornalista sportivo Federico Buffa che si racconterà a Marzini, giornalista e presidente dell'Alma pallacanestro. L'icona della critica musicale italiana, Mario Luzzatto Fegiz, da poco in libreria con l'autobiografico "Troppe Zeta nel cognome", converserà con i colleghi Carlo Muscatello, critico musicale del Piccolo, e Fabrizio Basso, giornalista di Sky.it.  Per "Attenti alle bufale", dove Beppe Giulietti, presidente della Fnsi, Ida Colucci, direttrice di Tg2 e Gabriela Jacomella, giornalista e cofondatrice di Factcheckers.it (che curerà anche una press lab a tema), discuteranno con il giornalista della Stampa Beniamino Pagliaro dell'importanza della verifica delle fonti e delle notizie false che girano sul web. Si zampetterà di argomento in argomento. "Ad un passo dall'apocalisse" per ricordare l'eroica disubbidienza di Stanislav Evgrafovich Petrov, l'uomo che ha salvato il mondo dall'annientamento, con Roberto Giacobbo, giornalista, intervistato da Pietro Spirito. Ma poi si parlerà di terrorismo con le inviate Lucia Goracci e Barbara Gruden. Di sport e del grande Muhammad Alì, raccontato in una delle tre serate di Link, alle 21 attraverso l'emozionante documentario della giornalista di Repubblica Emanuela Audisio e il commento in diretta da una gloria del pugilato nazionale, l'atleta isontino Paolo Vidoz. Restando nella notte, alla stessa ora sabato ecco un assaggio di un appuntamento tutto made in Fvg con lo scrittore Nicolò Giraldi, che assieme l'illustratore Jan Sedmak e il cantautore Enrico Cortellino, in arte Cortex, faranno una "gazebata" triestina. E domenica sera il giornalista de La Repubblica e storyteller Massimo Minella, con il suo «Italia-Argentina, sola andata» si focalizzerà sul viaggio 'migratorio' della famiglia Bergoglio. Si parlerà infine di Brexit, e di 'Eurexit', alla vigilia delle elezioni francesi, ci saranno tanti altri ospiti per eventi accompagnanti dalla redazione giovani che confezionerà il Tg-Link.

 

NEWSLETTER

La cerimonia di proclamazione dei vincitori del “Premio Simona Cigana” è stata differita al 10 di conseguenza, è stata spostata anche la comunicazione personale ai finalisti inclusi o meno nell’elenco dei destinatari dei premi nelle singole categorie e che sarà spedita a fine novembre. Le graduatorie concorsuali saranno rese note soltanto nel giorno della premiazione. Lo slittamento della cerimonia è stata determinato dai molteplici impegni del presidente nazionale dell’Ordine, Carlo Verna, che interverrà ad Aviano assieme al presidente regionale Cristiano Degano. Il 10° anniversario del nostro concorso giornalistico merita infatti un’ufficializzazione che doverosamente ci sentivamo di offrire all’evento di chiusura. Nell’occasione sarà anche presentata l’11ª edizione, 2019-2020.

Nel nostro sito

https://www.stampa-pordenone.it/

TUTTI I CORSI DI FORMAZIONE PER GIORNALISTI NELLA REGIONE FVG

BASTA CON LA STAGIONE DEI TAGLI – MOBILITAZIONE NAZIONALE

RIFORMA DELLA PROFESSIONE – APPELLO DEI PRESIDENTI

STAMPA, RACCOLTA PUBBLICITARIA IN FORTE CALO

32 MILIONI DI ITALIANI ON LINE OGNI GIORNO