«Qualsiasi provvedimento normativo volto a regolare la materia delle intercettazioni non può prescindere dal rispetto della Convenzione europea dei diritti dell'Uomo sul diritto dei giornalisti ad informare e dei cittadini ad essere informati. Tale Convenzione e? infatti pienamente vincolante per l'Italia». Lo ha scritto il segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso, in una lettera al ministro della Giustizia, Andrea Orlando.


Lorusso ha ringraziato il ministro per l'attenzione, esprimendo la disponibilità ad un incontro nel quale, pero?, si parli anche di contrasto al fenomeno delle querele temerarie, una forma di intimidazione dei cronisti sempre più diffusa sulla quale agli impegni verbali non sono mai seguiti atti concreti.
Sulla bozza di decreto legislativo in materia di intercettazioni, la Fnsi ha fatto pervenire al ministro Orlando un parere articolato redatto con la consulenza della professoressa Marina Castellaneta, docente di diritto internazionale nell'Universita? di Bari. Il parere, che nei prossimi giorni sarà illustrato compiutamente nel corso di un'iniziativa pubblica, esprime contrarietà alla limitazione del diritto di informare che si vuole introdurre attraverso il divieto di trascrizione integrale delle intercettazioni negli atti giudiziari. Dall'esame delle sentenze della Corte europea dei diritti dell'Uomo, infatti, si evince chiaramente che le modalità di pubblicazione delle intercettazioni le decide il giornalista e che l'eventuale obbligo di pubblicare soltanto riassunti sarebbe in contrasto con l'indirizzo della Cedu.
E? stato inoltre ricordato che il cronista ha l'obbligo di informare l'opinione pubblica non soltanto su questioni che hanno rilevanza penale, ma su tutto ciò che costituisce un interesse generale per la collettività. «Quando c'e? un interesse per i cittadini – ha concluso Lorusso – non c'e? segreto che tenga». 

NEWSLETTER

La cerimonia di proclamazione dei vincitori del “Premio Simona Cigana” è stata differita al 10 di conseguenza, è stata spostata anche la comunicazione personale ai finalisti inclusi o meno nell’elenco dei destinatari dei premi nelle singole categorie e che sarà spedita a fine novembre. Le graduatorie concorsuali saranno rese note soltanto nel giorno della premiazione. Lo slittamento della cerimonia è stata determinato dai molteplici impegni del presidente nazionale dell’Ordine, Carlo Verna, che interverrà ad Aviano assieme al presidente regionale Cristiano Degano. Il 10° anniversario del nostro concorso giornalistico merita infatti un’ufficializzazione che doverosamente ci sentivamo di offrire all’evento di chiusura. Nell’occasione sarà anche presentata l’11ª edizione, 2019-2020.

Nel nostro sito

https://www.stampa-pordenone.it/

TUTTI I CORSI DI FORMAZIONE PER GIORNALISTI NELLA REGIONE FVG

BASTA CON LA STAGIONE DEI TAGLI – MOBILITAZIONE NAZIONALE

RIFORMA DELLA PROFESSIONE – APPELLO DEI PRESIDENTI

STAMPA, RACCOLTA PUBBLICITARIA IN FORTE CALO

32 MILIONI DI ITALIANI ON LINE OGNI GIORNO