GIORNALISTI, ANNO DECISIVO

PUBBLICITA' IN CALO

MEETING D'INVERNO

BASTA CON I TAGLI


Nella Regione sono il 43,9%

quasi nessuna denuncia

Una professionista su due ammette di aver subito violenze sessuali e poi di essersi licenziata per timore che un esposto non servisse



Vive e prolifera nel silenzio. Il fenomeno delle molestie nei luoghi di lavoro è realtà, ma, la cosa più preoccupante, è che è realtà socialmente tollerata. Dalle donne che la subiscono, in primis, perché «l'81 per cento non si confida con nessuno e il 99 per cento non denuncia » ha detto ieri la presidente di Voce donna, Maria De Stefano. Un tentativo di squarciare l'indifferenza è emerso nell'incontro di formazione "Il fenomeno delle molestie nei luoghi di lavoro: come prevenire, riconoscere e informare correttamente?" promosso da Consigliera di parità e Ordine dei giornalisti del Fvg.Se il 43,9% delle donne della regione - dai 14 ai 65 anni - ha subito molestie (Fonte Istat), che possono essere verbali o ambientali compreso il mobbing, poco meno del 10 per cento è stata vittima di molestie sessuale nel luogo di lavoro. Nadia (nome di fantasia), 27 anni e italiana era operaia in un'azienda metalmeccanica. «Era venuta da noi per maltrattamenti da parte del compagno. Nel colloquio, però, è emerso che subiva molestie verbali e non verbali (toccamenti) anche dal datore di lavoro e questo lo faceva anche con le impiegate - ha spiegato De Stefano -. Lei però ha preferito licenziarsi perché "se lo denuncio - ci ha detto - non trovo più lavoro"». Così ha fatto Angela, 40 anni, sposata con un figlio, inviata a Voce donna dal medico perché «soffriva di insonnia e disturbi alimentari e, al dottore, aveva confidato le molestie del capo. Assunta da una ditta di import export dopo alcuni anni di inattività legati alla maternità, si è trovata a vivere un incubo: il titolare la faceva andare nel sottoscala con una scusa e le chiedeva prestazioni sessuali». La donna si è confidata con una collega e ha scoperto di non essere la prima vittima, «ma l'altra le ha detto che non voleva essere coinvolta». Così anche Angela alla denuncia ha preferito il licenziamento.Un'altra giovane donna laureata, dipendente in una società partecipata, ha avuto una relazione con un collega, «ma scoperto che era sposato ha troncato il rapporto. Lui ha tappezzato i bagni con fogli in cui scriveva, con nome e cognome della donna, che lei faceva determinate prestazioni sessuali. I colleghi l'hanno isolata, lei, per il senso di colpa, si è licenziata». Come evidenzia De Stefano: «La molestia non ha mai a che fare con il desiderio sessuale, è un abuso di potere». Concetto confermato dalla consigliera di parità di Trieste Gabriella Taddeo che, in quasi dieci anni, di casi ne ha affrontati a decine. «Molto frequenti sono negli studi professionali. I datori si sentono padroni non solo dal punto di vista lavorativo. Noi cerchiamo di fornire anche strumenti per aiutarli: anche una mail in cui si scrive al molestatore che le sue attenzioni non sono gradite, può servire». Importanti poi cercare testimoni e «rimuovere il senso di colpa: la donna non è responsabile della violenza».

NEWSLETTER

ASSOSTAMPA

Parte la campagna iscrizioni 2020 all’Assostampa Fvg, articolazione territoriale della Fnsi, sindacato unitario dei giornalisti italiani. Che in questa fase di grandi trasformazioni, di attacco alla professione, di drammatica crisi dell’Inpgi ma anche di tutto il mondo dell'editoria e del giornalismo, rimane l'ultimo importante baluardo per la tutela dei diritti e della dignità della professione giornalistica.  

Anche nel Friuli Venezia Giulia è dunque necessario rilanciare la campagna di sensibilizzazione e di iscrizione al sindacato dei colleghi, professionali e collaboratori, contrattualizzati e non contrattualizzati. Sindacato che nella nostra regione ha le quote – rimaste invariate anche nel 2020 - più basse d’Italia. C’è anche la possibilità di richiedere l’iscrizione gratuita per giornalisti professionali e collaboratori disoccupati e/o in comprovate difficoltà economiche. Sono state anche mantenute le quote scontate per i nuovi iscritti, che erano state lanciate tempo fa, ma soltanto per un anno, a livello nazionale.

SE VUOI DIFENDERE LA LIBERTÀ DI INFORMAZIONE, AIUTA IL SINDACATO…

SE CONDIVIDI LA BATTAGLIA CHE IL SINDACATO DEI GIORNALISTI PORTA AVANTI PER LA DIFESA DELLA PROFESSIONE E CONTRO TUTTE LE LEGGI BAVAGLIO; SE VUOI DARE FORZA ALL’AZIONE DEL SINDACATO A FAVORE DELLE FASCE PIU’ DEBOLI DELLA CATEGORIA, DENTRO E FUORI DALLE REDAZIONI; SE VUOI CONTRIBUIRE ALLA DIFESA E AL RINNOVAMENTO DELLA PROFESSIONE; SE CREDI CHE AVERE UN SINDACATO UNITARIO DEI GIORNALISTI SIA UNA RISORSA

ISCRIVITI – E FAI ISCRIVERE I TUOI COLLEGHI – ALL’ASSOSTAMPA FVG (e se eri già iscritto lo scorso anno, non dimenticare di rinnovare la quota 2020).

 Nel Fvg le quote per i giornalisti collaboratori sono di 45 euro, quelle per i professionali non contrattualizzati di 55 euro.

Invariata anche la quota dello 0.30 per i giornalisti professionali contrattualizzati e pensionati.

SOLTANTO PER I NUOVI ISCRITTI 2020 NON CONTRATTUALIZZATI: collaboratori 35 euro, professionali 45 euro.

(NB: professionali sono tutti i giornalisti professionisti, praticanti e i pubblicisti che svolgono comunque la professione giornalistica ai sensi dell’art. 2 dello Statuto Fnsi; collaboratori sono i pubblicisti che non rientrano nella precedente categoria).

Il pagamento della quota (per chi non versa già lo 0.30 in busta paga o con la pensione, avendo firmato l’apposita delega) può venir effettuato nei nostri uffici oppure con bonifico bancario:

Banca di Credito Cooperativo del Carso – ZKB, Riva Gulli, Trieste, IBAN IT 34 O 08928 02205 010000034417 (causale: quota 2020)

Monte dei Paschi di Siena, piazza della Borsa, Trieste, IBAN IT 50 H 01030 02230 000002958532 (causale: quota 2020)