GIORNALISTI, ANNO DECISIVO

PUBBLICITA' IN CALO

MEETING D'INVERNO

BASTA CON I TAGLI


San Francesco di Sales,

un messaggio ancora valido


Consegnato il titolo di socio onorario al vicario vescovile, il teologo mons. Orioldo Marson

Il giorno di San Francesco di Sales ha fornito l’occasione per affrontare fra timori e speranze il presente e il futuro dell’informazione. L’evento nel quale si è affrontato l’argomento è stato l’incontro dei giornalisti nella sede della Curia vescovile, indetto anche quest’anno dall’ufficio diocesano per la comunicazione, dal settimanale Il Popolo e dal Circolo della Stampa di Pordenone.


I momenti del tradizionale (da oltre mezzo secolo) incontro sono stati la Messa presieduta dal vicario generale vescovile mons. Orioldo Marson e l’incontro finale per lo scambio degli auguri per l’anno nuovo. Due fasi del programma nelle quali si è inserita la proclamazione di monsignor Marson “socio onorario” del Circolo della Stampa.
«Spetta agli operatori della comunicazione – ha detto tra l’altro il vicario generale della diocesi di Concordia-Pordenone – mantenere viva l’essenza del loro compito, nella ricerca e nella diffusione della verità, anche prendendo esempio da San Francesco di Sales, dottore della Chiesa e uomo di pensiero del Seicento-Settecento che seppe operare con la forza del colloquio per superare i contrasti, impegnato nella divulgazione del suo pensiero attraverso la parola e lo scritto su libri e su fogli che sono i precursori dei moderni mezzi di comunicazione».
Un messaggio, quello di mons. Marson, che è stato sintetizzato nel “diploma” statutario del Circolo della Stampa, destinato al sacerdote, al teologo divulgatore del pensiero della “laicità temperata e aperta, in grado di operare concretamente nella vita sociale, non escluso il settore politico”.
Nel ringraziarlo per questo suo impegno, il giornalista Pietro Angelillo, presidente del Circolo della Stampa, ha espresso la speranza che gli operatori dell’informazione riescano a superare le difficoltà di questo duro momento di rivoluzione tecnologica e culturale. «Onestà intellettuale e serietà professionale – ha detto tra l’altro – nel rispetto della verità, non quella politica, che non esiste, bensì quella morale ed etica che fa difetto nei settori dell’editoria e del giornalismo, come in altri settori della società».
Ha introdotto l’incontro Simonetta Venturin, direttrice de “Il Popolo” diocesano, alla presenza dei consiglieri del Circolo, Lucio Leandrin, Alessandra Montico e Giorgio Rizzo, di numerosi giornalisti e dei rappresentanti dell’Efasce, l’Ente diocesano per gli emigranti.

Nella foto, mons. Marson, tra Simonetta Venturin e Pietro Angelillo, mentre Alessandra Montico legge la motivazione del titolo di “Socio Onorario” attribuito al vicario vescovile.

NEWSLETTER

ASSOSTAMPA

Parte la campagna iscrizioni 2020 all’Assostampa Fvg, articolazione territoriale della Fnsi, sindacato unitario dei giornalisti italiani. Che in questa fase di grandi trasformazioni, di attacco alla professione, di drammatica crisi dell’Inpgi ma anche di tutto il mondo dell'editoria e del giornalismo, rimane l'ultimo importante baluardo per la tutela dei diritti e della dignità della professione giornalistica.  

Anche nel Friuli Venezia Giulia è dunque necessario rilanciare la campagna di sensibilizzazione e di iscrizione al sindacato dei colleghi, professionali e collaboratori, contrattualizzati e non contrattualizzati. Sindacato che nella nostra regione ha le quote – rimaste invariate anche nel 2020 - più basse d’Italia. C’è anche la possibilità di richiedere l’iscrizione gratuita per giornalisti professionali e collaboratori disoccupati e/o in comprovate difficoltà economiche. Sono state anche mantenute le quote scontate per i nuovi iscritti, che erano state lanciate tempo fa, ma soltanto per un anno, a livello nazionale.

SE VUOI DIFENDERE LA LIBERTÀ DI INFORMAZIONE, AIUTA IL SINDACATO…

SE CONDIVIDI LA BATTAGLIA CHE IL SINDACATO DEI GIORNALISTI PORTA AVANTI PER LA DIFESA DELLA PROFESSIONE E CONTRO TUTTE LE LEGGI BAVAGLIO; SE VUOI DARE FORZA ALL’AZIONE DEL SINDACATO A FAVORE DELLE FASCE PIU’ DEBOLI DELLA CATEGORIA, DENTRO E FUORI DALLE REDAZIONI; SE VUOI CONTRIBUIRE ALLA DIFESA E AL RINNOVAMENTO DELLA PROFESSIONE; SE CREDI CHE AVERE UN SINDACATO UNITARIO DEI GIORNALISTI SIA UNA RISORSA

ISCRIVITI – E FAI ISCRIVERE I TUOI COLLEGHI – ALL’ASSOSTAMPA FVG (e se eri già iscritto lo scorso anno, non dimenticare di rinnovare la quota 2020).

 Nel Fvg le quote per i giornalisti collaboratori sono di 45 euro, quelle per i professionali non contrattualizzati di 55 euro.

Invariata anche la quota dello 0.30 per i giornalisti professionali contrattualizzati e pensionati.

SOLTANTO PER I NUOVI ISCRITTI 2020 NON CONTRATTUALIZZATI: collaboratori 35 euro, professionali 45 euro.

(NB: professionali sono tutti i giornalisti professionisti, praticanti e i pubblicisti che svolgono comunque la professione giornalistica ai sensi dell’art. 2 dello Statuto Fnsi; collaboratori sono i pubblicisti che non rientrano nella precedente categoria).

Il pagamento della quota (per chi non versa già lo 0.30 in busta paga o con la pensione, avendo firmato l’apposita delega) può venir effettuato nei nostri uffici oppure con bonifico bancario:

Banca di Credito Cooperativo del Carso – ZKB, Riva Gulli, Trieste, IBAN IT 34 O 08928 02205 010000034417 (causale: quota 2020)

Monte dei Paschi di Siena, piazza della Borsa, Trieste, IBAN IT 50 H 01030 02230 000002958532 (causale: quota 2020)