CORSI DI FORMAZIONE

Si consiglia ai colleghi, soprattutto a quanti si iscrivono ad un corso con largo anticipo, di verificare un paio di giorni prima sulla Piattaforma Sigef eventuali cambi di sede o di orario del corso stesso. In alcuni casi, infatti, l'improvvisa indisponibilità di una sala, o l'alto numero di iscritti e di colleghi in lista d'attesa per l'evento formativo, impongono un cambio della location rispetto alle indicazioni iniziali.

Trieste, 6 febbraio - SISSA (Scuola Internazionale Studi Superiori Avanzati) via Bonomea 265 - Ore 9.30-13.30
SEO, SEM E MAIL MARKETING
In collaborazione con Sissa (Scuola Superiore di Studi Avanzati)
.
Incontro basato su tre elementi cardine della comunicazione online, come il SEO (Search Engine Optization, far risaltare i contenuti fra risultati organici di Google) SEM (Search Engine Marketing, saper definire campagne pubblicitarie per la promozione a pagamento) e Mail Marketing (la strutturazione di una calibrata campagna di marketing tramite livelli di misurabilità).
Relatrice: Marialuisa Antonini (Esperta di Web Marketing & Social Media).
Crediti formativi: 4

Trieste, 7 febbraio -  Sala Alessi del Circolo della Stampa, Corso Italia 13  - Ore 17-19
L'OSSERVAZIONE ELETTORALE INTERNAZIONALE: IL RUOLO DEGLI OSSERVATORI E GLI STANDARD INTERNAZIONALI
In collaborazione con il Circolo della Stampa di Trieste.
Focus sul ruolo e le funzioni degli osservatori internazionali, tratteggiandone i contesti, le finalità e gli standard richiesti sia nei Paesi occidentali che nei versanti a rischio post -guerra o di transizione democratica.
Relatrice: Donatella Malfitano (pubblicista, laurea in Scienze Politiche, ha collaborato con l'ONU e altre organizzazioni internazionali, lavorando nell'assistenza tecnica elettorale, nella comunicazione, in campagne di sensibilizzazione e in decine di missioni a sfondo umanitario).
Crediti formativi: 2

Trieste, 13 febbraio - SISSA (Scuola Internazionale Studi Superiori Avanzati) via Bonomea 265 - Ore 9.30-13.30
L'IMPORTANZA DI MISURARE I RISULTATI DELLA COMUNICAZIONE ONLINE
In collaborazione con Sissa (Scuola Superiore di Studi Avanzati)
.
Guida all'approccio analitico e alle potenzialità di strumenti quali Google Tag Manager e Google Analytics. L'incontro prevede una panoramica dettagliata e il focus sui parametri fondamentali su cui incentrare il lavoro.
Relatrice: Marialuisa Antonini (esperta di Web Marketing & Social Media).
Crediti formativi: 4

Pordenone, 15 febbraio - Teatro Don Bosco, Viale Grigoletti 3 - Ore 20.30-22.30
SPORT E INFORMAZIONE: RAPPORTO FUORI CONTROLLO?
In collaborazione con il Circolo della Stampa di Pordenone e la Parrocchia San Giovanni Bosco di Pordenone.
Lo sport e in particolare il calcio, che dovrebbe essere l’esaltazione dei valori di una sana competizione, è sempre più ostaggio di gruppi di ultrà e teppisti collegati anche con l’estremismo politico. L’informazione condanna periodicamente e a vario titolo questo deterioramento, ma ne è a sua volta coinvolta. L’analisi del fenomeno dal punto di vista sociale e deontologico viene affidata a un popolarissimo telecronista e a un grande sociologo, profondo conoscitore dei rapporti tra sport e media.
Relatori: Bruno Pizzul (giornalista, già telecronista RAI), Giorgio Simonelli (sociologo, docente di Giornalismo radiofonico e televisivo all'Università Cattolica di Milano).
Crediti formativi: 2

Udine, 18 febbraio - Sede del Messaggero Veneto, Viale Palmanova 290 - Ore 9.30-12.30
COMUNICARE LE RICCHEZZE E LE BELLEZZE DELLA MONTAGNA PER LA SUA VALORIZZAZIONE
In collaborazione con ARGA FVG.
Il ruolo dell'informazione al servizio delle bellezze naturalistiche. Focus sull'ambiente montano e su una corretta prassi comunicativa atta alla valorizzazione del patrimonio culturale e turistico.
Relatori: Carlo Morandini (giornalista e scrittore), Gianluigi D'Orlandi (agronomo), Gabriele Cragnolini (Funzionario Corpo Forestale), Marco Buzziolo (giornalista).
Crediti formativi: 3

Udine, 19 febbraio - Sala “Gusmani” di Palazzo Antonini, via Petracco 8 - Ore 10-13
SOSTENIBILITÀ ED INNOVAZIONE SOCIALE. L'IMPORTANZA DELLA COMUNICAZIONE
In collaborazione con l'Università di Udine e Animaimpresa nell’ambito del Salone della CSR (Responsabilità Sociale d’impresa) e dell’innovazione sociale.
Incontro dedicato alla sostenibilità e all’innovazione sociale legati al territorio, con particolare riguardo al ruolo della comunicazione.
Relatori: Cristiano Degano (presidente Ordine Giornalisti del FVG), Alberto Felice De Toni (Rettore dell'Università di Udine), Rossella Sobrero (consulente di comunicazione sociale), Roberto Siagri (Presidente Eurotech), Emanuela Fregonese (Communications&Branding Manager Wartsila Italia), Bruno Bertero (direttore marketing Promo Turismo FVG), Renata Kodilja (coordinatrice Corso di laurea in Relazioni Pubbliche dell'Università di Udine).
Crediti formativi: 3
 
 
Si raccomanda ai colleghi che, per qualsivoglia motivo, non possono partecipare ad un corso al quale si erano iscritti di cancellare la propria prenotazione sulla piattaforma per consentire la partecipazione ai colleghi in lista d’attesa.
A questi ultimi consigliamo di presentarsi comunque al corso nell’eventualità, fino ad oggi non infrequente, che ci siano dei posti liberi.

DISPONIBILE IL CORSO ONLINE DEL CNOG “LA NUOVA DEONTOLOGIA”
Il Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti in collaborazione con il Centro di Documentazione giornalistica ha realizzato un nuovo corso online sul Testo unico della deontologia giornalistica riconosciuto per la formazione professionale continua dei giornalisti. La frequenza e il superamento del corso danno diritto, infatti, a 10 CFP deontologici. Il corso è disponibile sulla piattaforma Sigef.

Tutti gli eventi proposti sono inseriti sulla piattaforma Sigef.
Questo il link per procedere con le prenotazioni: https://sigef-odg.lansystems.it/sigef/

Gli iscritti possono visionare sul sito del Consiglio nazionale il nuovo regolamento sulla Formazione Professionale Continua in vigore dal 31 maggio 2016.
Questo il link: regolamento sulla formazione professionale
 
Si precisa che l'assegnazione dei crediti prevede la partecipazione al corso dall'inizio al termine dell'appuntamento.
 

LINK 1

Riflessioni sui tragici fatti della follia

nazifascista e sull’odio che ritorna

No a falsi storici e strumentalizzazioni!

Perché il Circolo della Stampa di Pordenone celebra la Giornata della Memoria e la Giornata del Ricordo? Perché è attraverso i media che si trasmettono i contenuti e i messaggi culturali di questi eventi storici di grande significato.

Perché il Circolo della Stampa di Pordenone celebra la Giornata della Memoria e la Giornata del Ricordo? Perché è attraverso i media che si trasmettono i contenuti e i messaggi culturali di questi eventi storici di grande significato.
Lo dimostra il nostro recente incontro con oltre 300 studenti e i loro insegnanti delle scuole medie superiori di Pordenone, con la partecipazione di numerosi giornalisti che hanno partecipato all’evento, riconosciuto anche come corso formativo dall’Ordine della categoria. Titolo dell’incontro era infatti “Ricordare e condannare, di fronte al linguaggio e alla fabbrica dell’odio che ritorna”. Analogo concetto riguarda gli eventi che il Circolo sta dedicando alla Giornata del Ricordo.
Informare è infatti una grande responsabilità, perché significa dare all’opinione pubblica, in particolare alla sua parte più giovane, elementi di equilibrio nella conoscenza dei fatti e nella riflessione; equilibrio indispensabile per abbattere pregiudizi, posizioni di parte, confusioni volute o inconsapevoli, clamori per bassi interessi di parte.
Nella Giornata della memoria è stato condannato senza mezzi termini l’annientamento sistematico di milioni di persone (ebrei, minoranze etniche e religiose, perseguitati politici), attuato dal nazismo con l’aiuto del fascismo. Nell’occasione sono stati condannati gli eccidi commessi e quelli in atto in tutto il mondo, nei Paesi governati da dittature e da democrature.
All’ampia platea riunita nell’auditorium A del liceo Gigoletti si è voluto descrivere un periodo di odio, persecuzione e morte come un fenomeno nefasto che può ripetersi e che pertanto va combattuto riproponendo la memoria per esprimere una condanna senza attenuanti. «Intendiamo analizzare – spiega tra l’altro il presidente Pietro Angelillo – il pesante ritorno dell’odio che in tutto il mondo dimostra quanto la storia, come sempre, non basta a scongiurare il male. E proponiamo a due categorie fondamentali come gli educatori e gli operatori dell’informazione di farsene maggiormente carico, allo scopo di scongiurare un generale progressivo deterioramento della convivenza e del rispetto dell’uomo verso l’uomo».
L’evento dedicato alla Memoria è stato affidato a due relatori: un giornalista e uno storico.
Il giornalista è Simone Bacchetta, autore del docu-film di Tv 1 Cremona sulla visita a Dachau di studenti, docenti e amministratori pubblici della provincia lombarda guidati da Riccardo Goruppi (sopravvissuto alla Shoah), segnalato nella 9ª edizione del concorso giornalistico “Premio Simona Cigana”.
Lo storico è Franco Cecotti, scrittore, ricercatore attento e profondo del passato e dell’attualità del Confine Orientale, vicepresidente Aned (associazione degli ex deportati nei lager nazisti) di Trieste.
Protagonista (nonostante l’assenza dovuta a malattia), Riccardo Goruppi, 92 anni, superstite dei campi di sterminio nazisti, alfiere dell’Aned di Trieste.

Quanto al programma per la Giornata del Ricordo, il Circolo della Stampa, il richiamo costante è all’operato di storici che hanno ricostruito con imparzialità e documentazione le vicende dolorose dell’esodo italiano da Istria e Dalmazia e della tragedia delle foibe. Motivo: proporre l’attenzione, al riparo da strumentalizzazioni e falsi storici, sulle cause e alle conseguenze che hanno portato a quei dolorosi avvenimenti storici.
La nostra ricostruzione storiografica si rifà, in particolare, a due storici e scrittori triestini: Raoul Pupo e Franco Cecotti.
Raoul Pupo, autore di numerosissimi saggi sui lager nazisti e sulle tragiche vicende del Confine Orientale, ha commemorato all’inizio di febbraio la Giornata del Ricordo davanti al Consiglio regionale ed è coautore del nuovissimo “Vademecum” dell’Istituto regionale per la storia della Resistenza e dell’Età contemporanea, dedicato agli stessi argomenti.
Franco Cecotti, anch’egli autore di numerosi saggi e ricerche su Memoria e Ricordo, ha tra i tanti meriti anche quello di avere ricostruito la storia geopolitica del Confine Orientale nell’arco di tempo compreso tra la seconda guerra mondiale e gli anni Cinquanta.

LINK 2