GIORNALISTI, ANNO DECISIVO

PUBBLICITA' IN CALO

MEETING D'INVERNO

BASTA CON I TAGLI


Da venerdì 22 febbraio a domenica 31 marzo, Museo Civico d’arte, Palazzo Ricchieri, Pordenone, "Aldo Missinato, fotografo fra cronaca e storia locale". Visitabile da mercoledì a domenica, dalle 15 alle 19. Ingresso gratuito.

I contenuti. La rassegna è un doveroso e affettuoso omaggio ad Aldo Missinato, che per anni ha documentato la vita di Pordenone e provincia: cronaca e vita quotidiana, cogliendone l’essenza. Fa parte di un ciclo di eventi dedicati ad artisti e personalità locali.
I promotori. È organizzata dall’Associazione culturale Il Circolo di Pordenone con la collaborazione e il sostegno del Comune di Pordenone e di Unione Artigiani di Pordenone e con il contributo di BCC Pordenone, Proconsulting e Mcr moto Pordenone.
I Commenti
Alessandro Ciriani (sindaco di Pordenone). È stato “il fotografo” dei pordenonesi, ma anche un custode di parte della memoria di questa provincia. Ha portato nelle case dei pordenonesi le più importanti pagine della cronaca e della storia contemporanea locale attraverso le sue fotografie. Col suo lavoro ha contribuito a creare l’identità della Pordenone contemporanea.
Pietro Tropeano (assessore alla cultura). Col suo fedele motorino e l'immancabile Rolleiflex era sempre presente a documentare gli avvenimenti più importanti ma anche a immortalare pagine di vita e di persone. Dove era un evento, la macchina fotografica di Aldo Missinato non mancava mai, così come non mancavano la sua proverbiale affabilità e il suo sorriso. Sono una settantina Guido Cecere (curatore) e Maria Luisa Gaspardo Agosti (collaboratrice storica). Abbiamo selezionato 70 scatti provenienti principalmente dalla raccolta di Confartigianato Pordenone, l’associazione di categoria si è premurata di acquisire e conservare l’archivio di Aldo Missinato a pochi anni dalla morte.


Tra ess, i più celebri - la prima auto targata 0001PN e il carro armato che schiaccia la Fiat 1500 – ma anche molti inediti, tra cui l'inaugurazione del nuovo studio di Americo Gregoris ad Azzano Decimo nel 1969, presenti la modella Veruschka, icona degli anni Sessanta, Oliviero Toscani e Paola Pitagora o quello che immortala Peppino De Filippo con Gildo, “il re della griglia” a Porcia. Dalla selezione, che si concentra sugli anni dal 1965 al 1976 appaiono le alluvioni, il terremoto, qualche cerimonia o momento storico, come la vista del presidente Saragat, e tante scene di vita quotidiana: il carnevale, sfilate di moda all’Ottoboni e all’Astoria, i “ramarri” del Pordenone Calcio, l’Equipe 84 e Fausto Leali in Fiera, il “mitico” BBB, il primo giorno di scuola, una manifestazione di studentesse delle Scuole Magistrali di Sacile.
Ne risulta dunque un ritratto fresco e vivace della Pordenone dell’epoca, che ci restituisce il sapore di quegli anni già consegnati alla storia. Non mancano naturalmente la cronaca nera, incendi e incidenti, che dal punto di vista professionale erano il suo cavallo di battaglia. Emerge, forte e dolce, anche il suo lato umano, quella sua capacità di star bene in mezzo alla gente e di saper percepire e “fermare” in fotografia la “vignetta”, la situazione parlante, di vita vera e quotidiana.
Pietro Angelillo (presidente del Circolo della Stampa). “Ho avuto la fortuna di avere Aldo Missinato tra i miei più stretti collaboratori nei primi 10 anni di vita dell’edizione provinciale pordenonese de Il Gazzettino (dal 1965 al 1974). Ne ho apprezzato l’intelligenza e la dedizione. Quando penso a quegli anni intensissimi devo fare una distinzione doverosa: il Missinato libero professionista-artista e il Missinato componente di redazioni giornalistiche. Questa distinzione ci aiuta a spiegare un aspetto che forse non è compreso: la storia della città e del territorio è il frutto di un lavoro collettivo, compiuto da Il Gazzettino come dal Messaggero Veneto, da Il Popolo e da altre testate giornalistiche per le quali egli ha lavorato con grande merito”.

NEWSLETTER

ASSOSTAMPA

Parte la campagna iscrizioni 2020 all’Assostampa Fvg, articolazione territoriale della Fnsi, sindacato unitario dei giornalisti italiani. Che in questa fase di grandi trasformazioni, di attacco alla professione, di drammatica crisi dell’Inpgi ma anche di tutto il mondo dell'editoria e del giornalismo, rimane l'ultimo importante baluardo per la tutela dei diritti e della dignità della professione giornalistica.  

Anche nel Friuli Venezia Giulia è dunque necessario rilanciare la campagna di sensibilizzazione e di iscrizione al sindacato dei colleghi, professionali e collaboratori, contrattualizzati e non contrattualizzati. Sindacato che nella nostra regione ha le quote – rimaste invariate anche nel 2020 - più basse d’Italia. C’è anche la possibilità di richiedere l’iscrizione gratuita per giornalisti professionali e collaboratori disoccupati e/o in comprovate difficoltà economiche. Sono state anche mantenute le quote scontate per i nuovi iscritti, che erano state lanciate tempo fa, ma soltanto per un anno, a livello nazionale.

SE VUOI DIFENDERE LA LIBERTÀ DI INFORMAZIONE, AIUTA IL SINDACATO…

SE CONDIVIDI LA BATTAGLIA CHE IL SINDACATO DEI GIORNALISTI PORTA AVANTI PER LA DIFESA DELLA PROFESSIONE E CONTRO TUTTE LE LEGGI BAVAGLIO; SE VUOI DARE FORZA ALL’AZIONE DEL SINDACATO A FAVORE DELLE FASCE PIU’ DEBOLI DELLA CATEGORIA, DENTRO E FUORI DALLE REDAZIONI; SE VUOI CONTRIBUIRE ALLA DIFESA E AL RINNOVAMENTO DELLA PROFESSIONE; SE CREDI CHE AVERE UN SINDACATO UNITARIO DEI GIORNALISTI SIA UNA RISORSA

ISCRIVITI – E FAI ISCRIVERE I TUOI COLLEGHI – ALL’ASSOSTAMPA FVG (e se eri già iscritto lo scorso anno, non dimenticare di rinnovare la quota 2020).

 Nel Fvg le quote per i giornalisti collaboratori sono di 45 euro, quelle per i professionali non contrattualizzati di 55 euro.

Invariata anche la quota dello 0.30 per i giornalisti professionali contrattualizzati e pensionati.

SOLTANTO PER I NUOVI ISCRITTI 2020 NON CONTRATTUALIZZATI: collaboratori 35 euro, professionali 45 euro.

(NB: professionali sono tutti i giornalisti professionisti, praticanti e i pubblicisti che svolgono comunque la professione giornalistica ai sensi dell’art. 2 dello Statuto Fnsi; collaboratori sono i pubblicisti che non rientrano nella precedente categoria).

Il pagamento della quota (per chi non versa già lo 0.30 in busta paga o con la pensione, avendo firmato l’apposita delega) può venir effettuato nei nostri uffici oppure con bonifico bancario:

Banca di Credito Cooperativo del Carso – ZKB, Riva Gulli, Trieste, IBAN IT 34 O 08928 02205 010000034417 (causale: quota 2020)

Monte dei Paschi di Siena, piazza della Borsa, Trieste, IBAN IT 50 H 01030 02230 000002958532 (causale: quota 2020)