GIORNALISTI, ANNO DECISIVO

PUBBLICITA' IN CALO

MEETING D'INVERNO

BASTA CON I TAGLI

In occasione della giornata mondiale dell’alimentazione che viene celebrata ogni anno, in tutto il mondo, il 16 di ottobre, per ricordare l’anniversario della fondazione dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione (FAO), Coldiretti lancia un grido d’allarme sulla drammatica situazione in cui riversa l’Italia.

Nel nostro Paese si registrano infatti 2,7 milioni di persone, di cui oltre il 55% concentrate nel Mezzogiorno, che nel 2018, sono state costrette a chiedere aiuto per mangiare. Questo il dato allarmante denunciato da Coldiretti che ha elaborato una prima mappa della fame in Italia,sulla base dei dati sugli aiuti alimentari distribuiti con i fondi Fead attraverso dall’Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura (Agea). In testa alla lista la Campania, seguita dalla Sicilia, dalla Calabria , dal Lazio, e dalla Lombardia al quinto posto.
Come sottolineato da Coldiretti “a differenza di quanto si pensa il problema alimentare non riguarda solo il terzo mondo ma anche i Paesi più industrializzati dove le differenze sociali generano sacche di povertà ed emarginazione. Le maggiori criticità in Italia si registrano in Campania con 554mila di assistiti, in Sicilia con più di 378mila ed in Calabria con quasi 300mila ma anche nella ricca Lombardia dove si trovano quasi 229mila persone in difficoltà alimentare. Tra le categorie più deboli degli indigenti a livello nazionale si contano 453mila bambini di età inferiore ai 15 anni, quasi 197mila anziani sopra i 65 anni e circa 103mila senza fissa dimora». In aggiunta, come sottolineato sempre da Coldiretti, la maggior parte di chi ha chiesto aiuti alimenti lo ha fatto attraverso la consegna di pacchi alimentari rispondenti alle aspettative dei nuovi poveri, quali: pensionati, disoccupati e famiglie con bambini, che vuoi per vergogna, vuoi per dignità, prediligono questa forma di aiuto, piuttosto che il consumo di pasti gratuiti in strutture preposte. Infatti, come precisato sempre da Coldiretti, solo 113mila i pasti serviti delle mense dei poveri a fronte di 2,36 milioni che invece hanno optato per l’aiuto a mezzo di confezioni di prodotti. Sempre nel 2018, oltre a questo dato, altre 103mila persone sono state supportate dalle unità di strada e da gruppi formati di volontari direttamente nei luoghi dove trovano ricovero. Molti sono gli italiani attivi con azioni di solidarietà a partire da Coldiretti e Campagna Amica che hanno lanciato l’iniziativa della “spesa sospesa”, ovvero di fare una donazione libera presso i banchi dei mercato di Campagna Amica per fare poi la spesa a favore dei più bisognosi. In pratica, viene ripresa l’usanza campana del “caffè sospeso”, di quando al bar si lascia pagato un caffè per il cliente che verrà dopo.
 
LA MAPPA DELLA FAME PER REGIONE

Regione - Totale Assistiti – Assistiti di età tra 0-15

PIEMONTE - 135.052 / 30.244
VALLE D’AOSTA - 0 / 0
LIGURIA - 56.679 / 11.243
LOMBARDIA - 228.991 /50.965
VENETO - 102.272/ 25.368
TRENTINO ALTO ADIGE - 13.404 / 3.343
FRIULI VENEZIA GIULIA - 52.362 / 9.787
EMILIA ROMAGNA - 130.347 / 31.757
TOSCANA - 100.126 / 20.470
UMBRIA - 19.536 / 4.122
MARCHE - 68.858 /12.147
ABRUZZO - 41.064 / 7.307
MOLISE - 6.182 / 237
LAZIO - 233.637 / 34.701
SARDEGNA - 58.902 / 7.258
CAMPANIA - 553.949 / 69.940
BASILICATA - 32.754 /4.312
PUGLIA - 175.021 / 25.983
CALABRIA - 299.322 / 40.359
SICILIA - 378.033 /63.537

TOTALI 2.686.491 / 453.080

(FONTE. Elaborazioni Coldiretti su dati Agea su fondi Fead nel 2018)

NEWSLETTER

ASSOSTAMPA

Parte la campagna iscrizioni 2020 all’Assostampa Fvg, articolazione territoriale della Fnsi, sindacato unitario dei giornalisti italiani. Che in questa fase di grandi trasformazioni, di attacco alla professione, di drammatica crisi dell’Inpgi ma anche di tutto il mondo dell'editoria e del giornalismo, rimane l'ultimo importante baluardo per la tutela dei diritti e della dignità della professione giornalistica.  

Anche nel Friuli Venezia Giulia è dunque necessario rilanciare la campagna di sensibilizzazione e di iscrizione al sindacato dei colleghi, professionali e collaboratori, contrattualizzati e non contrattualizzati. Sindacato che nella nostra regione ha le quote – rimaste invariate anche nel 2020 - più basse d’Italia. C’è anche la possibilità di richiedere l’iscrizione gratuita per giornalisti professionali e collaboratori disoccupati e/o in comprovate difficoltà economiche. Sono state anche mantenute le quote scontate per i nuovi iscritti, che erano state lanciate tempo fa, ma soltanto per un anno, a livello nazionale.

SE VUOI DIFENDERE LA LIBERTÀ DI INFORMAZIONE, AIUTA IL SINDACATO…

SE CONDIVIDI LA BATTAGLIA CHE IL SINDACATO DEI GIORNALISTI PORTA AVANTI PER LA DIFESA DELLA PROFESSIONE E CONTRO TUTTE LE LEGGI BAVAGLIO; SE VUOI DARE FORZA ALL’AZIONE DEL SINDACATO A FAVORE DELLE FASCE PIU’ DEBOLI DELLA CATEGORIA, DENTRO E FUORI DALLE REDAZIONI; SE VUOI CONTRIBUIRE ALLA DIFESA E AL RINNOVAMENTO DELLA PROFESSIONE; SE CREDI CHE AVERE UN SINDACATO UNITARIO DEI GIORNALISTI SIA UNA RISORSA

ISCRIVITI – E FAI ISCRIVERE I TUOI COLLEGHI – ALL’ASSOSTAMPA FVG (e se eri già iscritto lo scorso anno, non dimenticare di rinnovare la quota 2020).

 Nel Fvg le quote per i giornalisti collaboratori sono di 45 euro, quelle per i professionali non contrattualizzati di 55 euro.

Invariata anche la quota dello 0.30 per i giornalisti professionali contrattualizzati e pensionati.

SOLTANTO PER I NUOVI ISCRITTI 2020 NON CONTRATTUALIZZATI: collaboratori 35 euro, professionali 45 euro.

(NB: professionali sono tutti i giornalisti professionisti, praticanti e i pubblicisti che svolgono comunque la professione giornalistica ai sensi dell’art. 2 dello Statuto Fnsi; collaboratori sono i pubblicisti che non rientrano nella precedente categoria).

Il pagamento della quota (per chi non versa già lo 0.30 in busta paga o con la pensione, avendo firmato l’apposita delega) può venir effettuato nei nostri uffici oppure con bonifico bancario:

Banca di Credito Cooperativo del Carso – ZKB, Riva Gulli, Trieste, IBAN IT 34 O 08928 02205 010000034417 (causale: quota 2020)

Monte dei Paschi di Siena, piazza della Borsa, Trieste, IBAN IT 50 H 01030 02230 000002958532 (causale: quota 2020)